lunedì 10 Agosto 2020
Altre aree

    Acqua, dal Comune di Bagno a Ripoli appello “anti-sprechi” contro il rischio siccità

    Per il momento nessuna ordinanza contro gli usi impropri di acqua potabile, ma dall'amministrazione comunale un invito ai cittadini a limitare l’impiego il più possibile

    BAGNO A RIPOLI – Rischio siccità, con l’estate che entra nel vivo il Comune di Bagno a Ripoli si appella ai cittadini per un uso consapevole e previdente dell’acqua potabile.

    Per il momento l’amministrazione comunale non emetterà ordinanze specifiche, ma invita fortemente la popolazione ad impiegare la risorsa idrica solo lo stretto indispensabile, limitandone l’impiego agli scopi alimentari ed igienici ed evitando usi impropri e sprechi. 

    “Per il momento non siamo in una situazione di allarme – spiega il sindaco Francesco Casini – per questo abbiamo deciso di appellarci al senso civico e alla responsabilità dei nostri cittadini”.

    “L’invito ad evitare gli sprechi vale tutto l’anno – aggiunge – come forma di rispetto e tutela dell’ambiente, in estate diventa ancora più indispensabile per scongiurare un’emergenza siccità”.

    “Negli anni scorsi – conclude – anche il nostro territorio ha conosciuto la siccità estiva e sappiamo quali rischi comporti e quanti danni possa provocare. Per evitare che si ripeta, chiediamo aiuto a tutti i cittadini”.

    Oltre a invitare i cittadini a utilizzare l’acqua potabile solo per motivi igienici e alimentari, il Comune chiede di evitare di usarla per una serie di attività non urgenti e non indispensabili come il lavaggio della propria automobile o la prolungata innaffiatura di orti e giardini.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...

    Sostengono Il Gazzettino