spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 15 Giugno 2021
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Aerei militari nei cieli del nostro territorio: “Un’esercitazione partita dalla base di Istrana”

    L'esperto: "Probabile simulazione dell'intercettazione di un aereo non autorizzato". O volo di prova per una cerimonia.

    CHIANTI FIORENTINO – Segnalazioni in redazione un po’ da tutti i comuni del nostro territorio, per il passaggio di alcuni aerei militari nei cieli.

    Da Bagno a Ripoli (Grassina) fino a Greve in Chianti: molte le segnalazioni di coloro che hanno visto (o sentito) il passaggio.

    E voi… li avete sentiti?

    Ci spiega di cosa si è trattato Simone Seoli, esperto del settore: “La coppia di aerei avvistata, proveniva dalla base militare di Istrana (Treviso), si trattava di aerei AMX ed era un’esercitazione”.

    “In questi casi – prosegue – l’ente che viene avvisato per primo è l’autorità “Firenze Radar” all’interno dell’aeroporto di Firenze e che gestisce tutto il traffico aereo per coordinare ed evitare interferenze”.

    “Molto probabilmente – aggiunge Seoli – hanno simulato un’intercettazione di un presunto aereo non autorizzato”.

    “Li visti fisicamente intorno alle 16 – conclude – e sono stato informato dal gruppo di piloti di cui faccio parte”.

    Da Firenze, infine, giunge notizia che si tratti di prove di sorvolo in vista della cerimonia che si terrà venerdì mattina presso l’Istituto di Scienze Militari Aeronautiche di Firenze quando gli allievi del corso “Sirio” della scuola militare aeronautica Giulio Douhet giureranno fedeltà alla Patria.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...