spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 6 Febbraio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Incredibile mattinata a Sorgane: 53enne attacca il vicino 75enne e lo manda all’ospedale

    SORGANE (BAGNO A RIPOLI) – La notizia l'ha riportata il quotidiano La Nazione in edicola questa mattina. E desta sconcerto.

     

    Tutto è iniziato con una chiamata al 112 attorno all'ora di pranzo di ieri, lunedì 28 aprile. Arrivava da Sorgane, nel territorio comunale di Bagno a Ripoli: "Per favore venite, c'è uno che sta aggredendo le persone con una roncola".

     

    Immediatamente la memoria è corso al maggio 2013 a Milano, quando il ghanese Mada Kabobo (poi condannato a vent'anni) aggredì e uccise a picconate tre persone. Colpevoli solo di passare per strada in quel momento.

     

    Protagonista del gesto un paziente del centro d’igiene mentale, 53 anni, che avrebbe cercato di risolvere a colpi di roncola la lite con una vicino di casa 75enne. L'accusa era quella di fare troppo rumore: lo disturbava insomma.

     

    Il finale parla dell'arresto dell'aggressore e del viaggio verso l'ospedale da parte dell'aggredito, colpito da pugni e da una roncolata vicino al sopracciglio (la prognosi è di una settimana).

     

    E pare che il 75enne possa ringraziae una coppia di vicini di casa che, seppur sordomuti, hanno cercato in tutti i modi di far ragionare l'aggressore. Letteralmente fuori di sé.

     

    Fino al decisivo l'intervento dei carabinieri della Stazione di Bagno a Ripoli, guidati sul posto dal maresciallo Angelo Ventura, che sono riusciti a bloccare l'uomo assieme ad altre "gazzelle" del nucleo radiomobile.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...