spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
venerdì 19 Luglio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Libri. Claudio Aita alla casa del popolo di Grassina, con “Il monastero dei delitti”

    Domenica 25 marzo presentazione del libro più buffet. Interventi di Maria Rosaria Perilli e Claudio Baldocci

    GRASSINA (BAGNO A RIPOLI) – "Libri e Giornali Edicola Tozzetti", con il patrocinio del Comune di Bagno a Ripoli, organizza un nuovo appuntamento letterario a Grassina.

     

    Domenica 25 marzo alle 17.30, presso la casa del popolo in piazza Umberto I, a Grassina, si terrà la presentazione del libro “Il monastero dei delitti. Il tempo non cancella l'orrore nell'eterna lotta tra bene e male” (Newton Compton), di Claudio Aita.

     

    Insieme all’autore, saranno presenti Maria Rosaria Perilli (scrittrice e critica letteraria) e Claudio Baldocci (musicista). Al termine, seguirà un piccolo buffet.

     

    Cosa hanno in comune i delitti del Mostro di Firenze, un antico manoscritto criptato e un inquietante monastero del Trecento?

     

    “Un romanzo che ci offre un'immagine inedita e inquietante di Firenze” (Il Messaggero).

     

    “Lo stile fluido e incalzante, il lessico colto e raffinato, ma soprattutto la cura quasi maniacale degli elementi storici e sociali in cui i personaggi si muovono lo rendono uno dei migliori thriller letti negli ultimi anni” (Leggere Tutti).

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...