spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
sabato 13 Luglio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Calcio storico fiorentino: il “Pallaio”… è un grassinese purosangue

    Andrea Borgonetti, arbitro FIGC per 22 anni, nel gruppo arbitri del calcio storico, svolge questo ruolo centrale

    GRASSINA (BAGNO A RIPOLI) – L'arbitro, si sa, è mestiere ingrato e complicato. Immaginiamoci cosa possa essere falro durante una partita di calcio storico, nel clima infuocato di piazza Santa Croce.

     

    C'è un grassinese doc che non solo lo sa, ma che…continua a saperlo (e non è cosa da poco). Stiamo parlando di Andrea Borgonetti, arbitro di calcio per 22 anni: fa parte del gruppo arbitri del calcio storico. E che, anche durante la finalissima del prossimo venerdì, sarà il "pallaio" (non proprio un arbitro ma… ci siamo capiti, qui l'imparzialità è un dogma).

     

    "Dal 2005 – ci racconta Andrea – faccio parte del gruppo arbitri (22 anni da arbitro di calcio FIGC ed attualmente osservatore arbitrale FIGC CRA) del calcio storico fiorentino. Da quest'anno incaricato "Pallaio" del Corteo Storico della Repubblica Fiorentina".

     

    "La più bella delle regole che mi riguarda – dice sorridendo – a mio avviso è una delle regole del Cinquecento, che dice… Il Pallaio gli ordini de Giudici prontamente, eseguendo sempre, e dovunque bisogno ne sia, la palla rimetta…".

     

    Insomma, una figura importante, sempre in evidenza, equidistante da tutti. Non fosse altro che per il costume variopinto: "E' una figura singola del corteo – conclude Andrea – e baricentrica ai quattro colori/quartieri: di fatto riassume tuttti nel proprio costume".

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...