spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 15 Giugno 2021
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Anpi Bagno a Ripoli: “Noi, contro la propaganda di Casaggì alla scuola Gobetti-Volta”

    Durissimo il presidente Luigi Remaschi: "Un concentrato di generico velleitarismo e di demagogia da strapazzo. Al di fuori della nostra Costituzione"

    BAGNO A RIPOLI – “Domani mattina all’uscita degli studenti dal Gobetti-Volta saremo a diffondere questo documento. Chi condivide può unirsi a noi”.

    E’ l’appello lanciato da Luigi Remaschi, presidente dell’Anpi di Bagno a Ripoli (sezione Pietro Ferruzzi) in risposta ai messaggi che Casaggì sta lanciando verso i ragazzi che frequentano la scuola superiore ripolese.

    “Prendendo a pretesto la pesante situazione generata dalla pandemia – dice Remaschi a proposito dei messaggi di Casaggì – lanciano un appello per la loro proposta. Queste le loro parole d’ordine: norme, restrizioni, divieti sono lesivi delle libertà fondamentali delle persone; alla visione materialistica della società si contrappongono la socialità, gli amici, gli affetti; occorre scavalcare ogni steccato politico e unire trasversalmente le generazioni”.

    “In poche parole – prosegue il presidente dell’Anpi ripolese – un concentrato di generico velleitarismo e di demagogia da strapazzo”.

    “L’appello – dice ancora – si conclude con un motto che il nostro Paese e i nostri avi hanno già sentito e visto per oltre 20 anni: “I pusillanimi si fermano, gli audaci sfidano e rovesciano l’ostacolo”. E per evitare di non essere riconosciuti, ecco il simbolo che evidenzia il loro DNA storico e politico: la fiamma tricolore e la rivendicazione dell’inconfondibile carattere che li distingue”.

    Ovvero, ricorda, “la scelta identitaria, ovvero difendere la Patria e le sue radici minacciate dalla società multietnica; la comunità militante, ovvero la falange che lotta per la sovranità nazionale; la luce della tradizione, ovvero una vita autentica fondata su sacrificio, dono, lealtà, onore”.

    “L’Italia – puntualizza Remaschi – ha già subito la violenza autoritaria e liberticida di simili aberrazioni, divenute sistema tirannico, di cui ha pagato un prezzo altissimo ed una guerra infame e disastrosa”.

    “Da tale aberrazione – rivendica – siamo usciti attraverso un duro riscatto che ha restituito al nostro popolo la dignità, con la sconfitta e la condanna senza possibilità di appello di quel sistema razzista e disumano, esprimendo nella Costituzione della Repubblica la configurazione di una società diametralmente opposta, basata sui paradigmi essenziali di libertà, uguaglianza, solidarietà”.

    “E quindi – conclude – Casaggì la sua proposta, la sua organizzazione, le sue bandiere, i suoi simboli sono fuori dalla nostra storia e dalla Costituzione”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...