spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 27 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Antella, gioia per tutta la comunità: il piccolo Francesco a casa per le feste

    La splendida notizia la dà la Misericordia Antella: il bambino (affetto dalla sindrome di Crouzon) è tornato da Parigi, dove è stato sottoposto al primo di una serie complessa di interventi

    ANTELLA (BAGNO A RIPOLI) – La notizia, splendida, la dà la Misericordia dell’Antella.

    Sempre in prima fila in questi mesi per aiutare e sostenere il percorso di Francesco e della sua famiglia, in una sfida complicata e importante.

    “Con grande gioia – dicono dalla Confraternita – la Misericordia dell’Antella assieme ai genitori comunica che il piccolo Francesco è tornato da Parigi a casa all’Antella per trascorre il Natale assieme alle persone care che da sempre gli sono vicine”.

    Nei giorni scorsi l’ipotesi era stata paventata. Oggi è diventata realtà.

    Francesco, affetto dalla sindrome di Crouzon, è volato nei mesi scorsi nella capitale francese per sottoporsi a una serie di complessi interventi chirurgici.

    Supportato in questo anche dalla Misericordia e da tutta la comunità di Bagno a Ripoli, che non ha fatto mancare il suo sostegno a Francesco, al suo babbo e alla sua mamma.

    “Dopo la prima operazione – era stato comunicato alcuni giorni fa – Francesco ha dovuto combattere una dura battaglia, superando ben 7 infezioni che l’hanno costretto ad entrare ed uscire continuamente in rianimazione”.

    Poi, una prima buona notizia: il permesso dei dottori per poter passare il fine settimana fuori dall’ospedale parigino, dove era ricoverato da ben due mesi.

    In programma ci sono ancora tre interventi da superare, ma con questa splendida notizia del ritorno a casa per le feste si potrà affrontarli con maggiore “benzina” nel motore.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...