spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
sabato 10 Dicembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    A casa del nonno aveva arraffato un fucile: poi se n’era disfatto nell’Ema

    Era stato arrestato dai carabinieri della Stazione di Grassina prima del Natale scorso, quando aveva rubato lo scooter a una postina a Ponte a Ema (clicca qui per leggere l'articolo).

     

    Nello scooter era custodita la posta da consegnare, ma anche la tredicesima della donna, circa 1.200 euro. Il ragazzo aveva poi nascosto il motorino in un garage e aveva usato parte del denaro trafugato per comprare della droga da spacciare ai coetanei.

     

    Oggi si svolgeva il processo, e alla lettura della condanna (a otto mesi) il giovane non ha retto. E' riuscito a scappare dal tribunale e a far perdere le proprie tracce: ma solo per poco, perché si è recato a casa del nonno, a Ponte a Ema, dove ha preso un fucile da caccia.

     

    A quel punto la tensione è salita alle stelle, visto che la situazione poteva sfuggire di mano in ogni momento. Il giovane si è poi diretto verso Grassina, forse avendo in mente anche di consumare una sorta di vendetta verso coloro che lo avevano arrestato: per fortuna, in un momento di lucidità, si è disfatto dell'arma (poi recuperata dai carabinieri) gettandola nel fiume Ema.

     

    Poi si è diretto verso la casa del popolo grassinese: è stato arrestato lì di fronte, in piazza Umberto I, dai militari della Stazione di Grassina guidati dal maresciallo Antonio Bonafede. E la giornata di follia si è chiusa con un sospiro di sollievo.

    di Matteo Pucci

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...







    I Cammini dell'Acqua