spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
venerdì 14 Giugno 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Tramvia a Bagno a Ripoli: il 13 dicembre confronto con Casini, Nardella e Ceccarelli

    In sala consiliare: per fare il punto insieme alla popolazione su progetto, tracciato e tempistiche

    BAGNO A RIPOLI – Percorso, tempistiche e modalità. Sarà un confronto ad ampio raggio sul futuro della tramvia fino a Bagno a Ripoli quello in programma giovedì 13 dicembre alle 18.15 nella sala consiliare “Falcone e Borsellino” in palazzo comunale (piazza della Vittoria 1, Bagno a Ripoli).

     

    All'assemblea, aperta a tutta la cittadinanza, saranno presenti i sindaci di Bagno a Ripoli e Firenze Francesco Casini e Dario Nardella, l'assessore regionale alle infrastrutture e alla mobilità Vincenzo Ceccarelli, gli assessori comunali al trasporto pubblico locale Paolo Frezzi e Stefano Giorgetti.

     

    Per illustrare e condividere con la popolazione gli aspetti tecnici del tram fino a Bagno a Ripoli, le caratteristiche progettuali e i tempi di realizzazione saranno inoltre presenti i tecnici dei Comuni di Bagno a Ripoli e Firenze e i progettisti di Tram di Firenze spa.

     

    Tutti i cittadini sono invitati a partecipare.

     

    “Il nostro territorio – dice il sindaco Francesco Casini – ha bisogno di collegamenti sempre più veloci e diretti con il centro di Firenze, che si avvalgano di tecnologie e infrastrutture moderne ed ecologiche. Per questo per noi pensare al futuro del nostro tpl e al suo potenziamento significa lavorare per portare i binari del tram fino a Bagno a Ripoli in tempi brevi. L'assemblea di giovedì prossimo sarà un'occasione di confronto vero per decidere come disegnare questo futuro insieme ai cittadini”. 

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...