spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 23 Luglio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Bagno a Ripoli, bando nidi gratis per le famiglie anno scolastico 2023/2024: domande fino al 30 giugno

    La domanda può essere presentata dalle ore 9 del 29 maggio accedendo online dall'applicativo della Regione Toscana: tutte le info utili

    BAGNO A RIPOLI – Anche a Bagno a Ripoli in vigore la misura Nidi Gratis, finalizzata a sostenere l’accoglienza dei bambini/e nei servizi educativi per la prima infanzia anche al fine di rispondere ai bisogni di conciliazione tra vita familiare e vita lavorativa, favorendo la permanenza, l’inserimento e il reinserimento nel mercato del lavoro dei genitori/tutori, in particolare delle madri.

    Per accedere alla misura Nidi Gratis è richiesto l’utilizzo dell’ISEE ordinario(in corso di validità e con DSU correttamente attestata)  ad eccezione dei seguenti casi.

    ISEE minorenni (in corso di validità e con DSU correttamente attestata) nel caso di bambini e bambini figli di genitori non coniugati tra loro e non conviventi.

    ISEE corrente (in corso di validità e con DSU correttamente attestata) quando si siano verificate rilevanti variazioni del reddito ovvero di eventi avversi come la perdita del posto di lavoro o l’interruzione dei trattamenti; con indicatore fino a € 35.000,00.

    Tale misura consiste nell’abbattimento delle tariffe/rette per la frequenza dei servizi educativi alla prima infanzia e tiene conto dei seguenti limiti stabiliti per il Bonus Inps:

    – ISEE da 0 a 25.000 euro: Bonus Inps di 272,73 euro per 11 mensilità;

    – ISEE da 25.000,01 a 35.000 euro: Bonus Inps di 227,27 euro per 11 mensilità.

    Lo sconto regionale è finanziato con risorse PR FSE+2021-2027 e riguarda la parte delle tariffe/rette di frequenza non coperta da contributo INPS.

    È possibile beneficiare dello sconto regionale nei seguenti servizi educativi alla prima infanzia: a titolarità comunale; a titolarità di soggetti pubblici non comunali; privati-accreditati e convenzionati.

    La famiglia paga al Comune o al gestore del servizio privato-accreditato la quota della retta/tariffa corrispondente al Bonus Inps che sarà successivamente rimborsata da Inps.

    Invece per la quota della retta corrispondente allo sconto regionale non sono previste uscite di cassa per le famiglie.

    La domanda può essere presentata dalle ore 9 del 29 maggio alle ore 18 del 30 giugno, accedendo all’applicativo regionale che sarà disponibile sul sito internet della Regione Toscana nella sezione Guida per le famiglie (qui).

    I genitori/tutori, al fine della presentazione della domanda devono essere in possesso della Carta d’Identità elettronica (CIE) ovvero della Carta Nazionale dei Servizi (CNS) ovvero delle credenziali del Sistema Pubblico di Identità Digitale (SPID) di livello 2; per informazioni relative al rilascio dello SPID consultare la pagina: www.spid.gov.it.

    Deve presentare la domanda il genitore/tutore che può beneficiare del Bonus Inpsfino a 35.000 euro.

    I genitori /tutori possono richiedere informazioni per la misura Nidi Gratis scrivendo al seguente indirizzo Regionale email: nidigratis@regione.toscana.it, oppure al numero di telefono 0554387000, attivo dal lunedì al venerdì dalle ore 9.30 alle ore 13.30 e dalle ore 14.30 alle ore 17.30.

    Il servizio avrà validità dall’1 settembre 2023 al 31 luglio 2024. Per il Comune di Bagno a Ripoli informazioni: servizieducativi@comune.bagno-a-ripoli.fi.it 05563903630556390456.

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...