spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
mercoledì 24 Aprile 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Bagno a Ripoli, chiusure strade per asfaltature post lavori di Publiacqua

    Via di Vacciano, via delle Quercioline, via Bruno Buozzi, via Giuseppe Di Vittorio: le date, gli orari e le info utili

    BAGNO A RIPOLI – Il Comune di Bagno a Ripoli comunica le seguenti chiusure strade, necessarie per il ripristino del manto stradale a seguito di precedenti interventi alla rete idrica da parte di Publiacqua.

    Via di Vacciano: sarà chiusa nel tratto compreso tra la chiesa di San Giusto a Ema e la prima intersezione con Via del Carpineto dalle ore 9 di lunedì 4 marzo alle ore 17 di martedì 5 marzo, con orario 9-17.

    La strada sarà invece chiusa nel tratto compreso tra il civico 69 e la prima intersezione con Via del Carpineto dalle ore 9 di mercoledì 6 marzo alle ore 17 di giovedì 7 marzo con orario 9-17.

    Via delle Quercioline: sarà chiusa nel tratto di strada compreso tra l’intersezione con Via Tegolaia ed il civico 9 dalle ore 9 di mercoledì 6 marzo alle ore 18 di venerdì 8 marzo con orario 9-18. Viabilità alternativa: da Via Gobetti.

    Via Bruno Buozzi: sarà chiusa nel tratto di strada compreso tra l’intersezione con Via Grandi e l’intersezione con Via Di Vittorio dalle ore 9 di venerdì 8 marzo alle ore 18 di martedì 12 marzo con orario 9-18.

    Viabilità alternativa: da Via Di Vittorio, istituita a doppio senso di circolazione.

    Via Giuseppe Di Vittorio: sarà chiusa nel tratto di strada compreso tra l’intersezione con Via Grandi e l’intersezione con Via Buozzi dalle ore 9 di venerdì 8 marzo alle ore 18 di martedì 12 marzo con orario 9-18.

    Viabilità alternativa: da via Buozzi, istituita a doppio senso di circolazione.

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...