spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 15 Agosto 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Bagno a Ripoli, diaspora-Lega in consiglio comunale: Frosali e Vulpiani la lasciano e vanno nel gruppo misto

    "Non possiamo più riconoscerci nella politica della Lega Salvini premier. Ormai c'è una rottura profonda fra popolo e partito"

    BAGNO A RIPOLI – Diaspora nel gruppo consiliare di Bagno a Ripoli della Lega, dove la capogruppo Paola Frosali e il consigliere Francesco Vulpiani lasciando, per andare le gruppo misto.

    “Non possiamo più riconoscerci nella politica della Lega Salvini premier – spiegano – Siamo una piccola ma corposa realtà “satellite” di un’importate metropoli italiana come Firenze. La totale indifferenza nel seguire e supportare i piccoli/medi comuni, abbinata alla totale debacle alle elezioni amministrative, dimostra chiaramente una rottura tra il popolo ed un partito sempre meno presente sul territorio, specie a Firenze ed in provincia”.

    “Un partito – denunciano – che ha messo alla porta sempre tutti coloro i quali portavano risultati, per affidarsi a dei gregari e personaggi privi di spessore politico”.

    “Abbiamo dunque deciso di lasciare il gruppo Lega Salvini premier – annunciano Frosali e Vulpiani – e di collocarci nel gruppo misto. Vogliamo continuare una politica di opposizione nell’interesse dei cittadini e del territorio, e non è possibile farlo all’interno della Lega”.

    “Non possiamo non guardare – concludono, senza citare Fratelli d’Italia ma lasciandolo ben intendere – alla coerenza di altre forze politiche di centrodestra che stanno portando avanti una linea ben distinta da qualunque vicinanza al Partito democratico. Un’opposizione coerente e decisa è quella che ci rappresenta. Ed è quella a cui vogliamo improntare la nostra azione politica”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...