spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 7 Febbraio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Bagno a Ripoli, il PSI esce da Sinistra Civica: “Ma rimane il sostegno al sindaco Casini”

    "La lista ha abbandonato l'idea riformista che ne stava originariamente alla base, per un percorso di coordinamento con altre forze di sinistra più radicali"

    BAGNO A RIPOLI – I socialisti (Psi) di Bagno a Ripoli escono da Sinistra Civica: “E’ terminato il progetto fondativo – annunciano – Pieno sostegno al sindaco Francesco Casini e al suo percorso amministrativo e politico”.

    “Si dividono le strade dei socialisti di Bagno a Ripoli e di Sinistra Civica – spiega il Psi ripolese in una nota – Per i socialisti ripolesi, infatti, Sinistra Civica ha smarrito progressivamente le idee riformiste, facendo venire meno in questo modo i valori del progetto fondativo”.

    Un capitolo che si chiude quindi, con i militanti socialisti che però ribadiscono piuttosto il loro “pieno sostegno al sindaco Casini e al suo percorso amministrativo e politico”.

    “Per i socialisti di Bagno a Ripoli – si legge nella nota – è giunto il momento di dividere ufficialmente la propria strada da quella della lista di Sinistra Civica. Questo progetto, nato in occasione delle elezioni 2019 e fortemente voluto anche dal sindaco Francesco Casini, tanto che la lista portava il suo nome nel simbolo, rappresentava l’opportunità di racchiudere insieme valori della sinistra riformista e progressista e soprattutto una visione programmatica chiara, condivisa e definita di un’idea di governo per la comunità, sulla scia della positiva esperienza amministrativa della giunta guidata dal sindaco Casini dal 2014 al 2019”.

    “Sinistra Civica – ricordano – ha rappresentato dunque l’occasione per una nuova proposta di governo e di valori innovativi, in grado di rilanciare una visione di sinistra di governo riformista e sociale a supporto dell’amministrazione comunale. Un’esperienza che, anche senza ottenere rappresentanti in consiglio comunale, grazie alla sinergia con il sindaco e con le altre forze politiche di maggioranza, ha saputo trovare una sua espressione in giunta, con la nomina di Francesca Cellini come assessora”.

    “Tuttavia – aggiungono – ormai da tempo, qualcosa è cambiato nella proposta politica e di visione di questa lista civica. Si è progressivamente abbandonata l’idea riformista che ne stava originariamente alla base, si è intrapreso un percorso di coordinamento con altre forze di sinistra più radicali, che hanno portato addirittura al cambio di nome (Sinistra civica ed ecologista) e alla rinuncia ad ogni riferimento al programma di mandato e al sindaco.

    “Il tutto – incalzano dal Psi ripolese – senza una vera condivisione con i componenenti che hanno dato vita, con il loro impegno e le loro idee, alla lista stessa. Abbandonando i valori del socialismo democratico e i riferimenti alla storia del socialismo italiano”.

    “Non da ultimo – vengono all’attualità – non condividiamo le recenti uscite sulla stampa in merito alla scelta del sindaco di concludere la proria esperienza con il Partito democratico per aderire al progetto del terzo polo”.

    “Si tratta per noi – puntualizza il Psi – della decisione libera e democratica di un sindaco che fino ad oggi ha lavorato bene e senza risparmiarsi, dopo essere stato eletto non da un solo partito ma da una coalizione, sulla base di un programma chiarissimo, che oggi con i suoi punti e le sue priorità resta il faro da seguire e da portare a termine nell’interesse della comunità”.

    “Le ultime decisioni di Sinistra Civica – ribadiscono – segnano dunque a nostro avviso un distacco evidente ed un allontanamento dai motivi fondanti, dallo spirito che ha caratterizzato la sua nascita, per la quale avevamo dato tutto il nostro impegno, la nostra capacità di essere forza politica di sinistra riformista e di governo a sostegno dell’amministrazione”.

    “Come socialisti di Bagno a Ripoli invece – evidenziano – crediamo fortemente nei valori del riformismo, dell’anti-populismo e dell’antisovranismo, nel percorso di un socialismo democratico in grado di costruire nel tempo un’azione di governo concreta, attenta ai bisogni della comunità e ai più deboli, e al contempo motore della crescita di un territorio dalle enormi potenzialità”.

    “Per questo – concludono – terminiamo la nostra esperienza nella lista Sinistra Civica. Mentre confermiamo con ancora più convinzione il nostro pieno sostegno all’azione di governo del sindaco Francesco Casini e massima fiducia nel suo percorso amministrativo e politico”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...