spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 21 Luglio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Bagno a Ripoli, il sindaco Pignotti: “Ci ha lasciato “Topino”, ultimo partigiano combattente della Brigata Sinigaglia”

    "Giulio Consigli, insieme ai suoi compagni, partendo dalle nostre colline in Fontesanta, nell’agosto del ‘44, liberò Firenze dai nazifascisti"

    BAGNO A RIPOLI – “Oggi è un giorno molto triste. Ci ha lasciati poche ore fa Giulio Consigli, nome di battaglia “Topino”, l’ultimo partigiano combattente della Brigata Sinigaglia, che partendo dalle nostre colline in Fontesanta, nell’agosto del ‘44, liberò Firenze dai nazifascisti”.

    Lo annuncia il sindaco di Bagno a Ripoli, Francesco Pignotti.

    “Un partigiano coraggioso e un uomo umile – tiene a dire il sindaco – che non ha mai cercato i riflettori ma è sempre stato presente, finché la salute glielo ha consentito, nelle scuole, agli incontri con i più giovani”.

    “Alle iniziative per la memoria – ricorda – per raccontare cosa sono stati gli anni bui della dittatura e della guerra”.

    “Si è spento all’età di quasi 100 anni nella sua casa in via dell’Eremo – fa sapere ancora PIgnotti – dove a breve porterò il cordoglio di tutta la nostra comunità insieme alle associazioni dell’Anpi”.

    “Una perdita enorme – tiene a ribadire – se ne va un altro partigiano a cui dobbiamo tanto, forse tutto: la vita libera e democratica così come la conosciamo”.

    “Grazie Giulio, grazie “Topino” – conclude – Ti ricorderemo come un caposaldo della nostra democrazia. Viva la Resistenza sempre”.

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...