spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
sabato 26 Novembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Bagno a Ripoli, Sonia Redini all’attacco dopo l’addio al Pd del sindaco Casini: “Questo è abusivismo politico”

    "Scopriamo anche che Italia Viva partecipa da tempo alla coalizione di maggioranza. Siamo basiti. Servono coerenza e rispetto verso elettori e istituzioni: sì a dimissioni o sfiducia"

    BAGNO A RIPOLI – E’ dura, durissima Sonia Redini, capogruppo di Cittadinanza Attiva, in seguito all’abbandonato del Partito democratico (con relativa adesione a Italia Viva) del sindco Francesco Casini.

    “In questa settimana – inizia Redini – abbiamo appreso (dai social) che il sindaco ha abbandonato il Partito Democratico per aderire ad Italia Viva. E (dalla stampa) che la stessa Italia Viva partecipa già da tempo alla coalizione di maggioranza”.

    “Un colpo solo – accusa – per contravvenire agli impegni elettorali e svelare che una forza politica, non rappresentata in consiglio, partecipa occultamente alle scelte dell’amministrazione”.

    “Entrambe le cose – rilancia – ci lasciano basiti. Non ci sono sanatorie per questo abusivismo politico”.

    Redini dice quindi “no a rimpasti, papocchi e alchimie bizantine, di pura cosmesi politica, che salvano le apparenze ma non cambiano la sostanza”.

    Ma anche “no ad amministrazioni fondate sul ricatto politico, di chi si presenta come “riformista” ma agisce da corsaro”.

    Invoca invece “coerenza e rispetto degli impegni presi verso elettori e istituzioni. Dico quindi sì alle dimissioni o alla sfiducia”.

    “Per salvare il sindaco dal suo destino – prefigura – si evocheranno gli scenari più apocalittici e, tra questi, sicuramente il blocco dei progetti in divenire”.

    “Evidentemente – dice ancora – si trascura che i progetti non sono del sindaco, ma del Comune e che l’attività degli uffici tecnici andrà avanti senza alcun arresto. L’esperienza di Campi Bisenzio (avallata dallo steso Pd) e addirittura quella della Regione Lazio, il cui presidente si è dimesso qualche giorno fa, stanno lì a dimostrarlo”.

    “Insomma – conclude Redini – non ci sono argomenti credibili per condonare l’abusivismo politico”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...









    I Cammini dell'Acqua