spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 26 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Bagno a Ripoli: una biblioteca e una targa per ricordare la psico-pedagogista Giovanna Carbonaro

    Hanno trovato casa all'asilo Arabam di Osteria Nuova, ad inaugurarle anche il figlio Luciano

    BAGNO A RIPOLI – Una biblioteca con decine di libri e testi per bambini e insegnanti, e una targa colorata collocata al suo fianco.

    Da venerdì scorso hanno trovato casa al nido Arabam di Osteria Nuova, per ricordare l’impegno della storica psico-pedagogista di Bagno a Ripoli Giovanna Carbonaro, fondatrice dell’asilo e per lunghi anni coordinatrice dei servizi educativi del Comune.

    La biblioteca contiene materiale librario accuratamente selezionato dalla stessa Carbonaro prima della sua scomparsa, avvenuta nel 2019 all’età di 91 anni, ed è stata inaugurata alla presenza del figlio Luciano, accanto all’assessore all’istruzione Francesco Pignotti, alle educatrici della cooperativa Arca che gestisce i servizi educativi e alle rappresentanti dell’ufficio scuola del Comune.

    L’occasione per ribadire, non senza alcuni momenti di commozione, l’importanza del lavoro di Carbonaro e della sua vita trascorsa al servizio del mondo dell’infanzia, come formatrice, educatrice e psico-pedagogista.

    Tra i volumi, moltissimi testi per i bambini e gli educatori, ma anche per le famiglie, per i genitori e i nonni.

    L’inaugurazione della biblioteca e lo svelamento della targa sono stati seguiti sabato 23 ottobre dal convegno “Giovanna Gervasio Carbonaro. Un mite coraggio”, organizzato dal Comune e dall’associazione La Fonte, che ha riunito decine di persone all’antico spedale del Bigallo con una giornata di studio e confronto sulle prospettive delle politiche educative e per l’infanzia.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...