spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 6 Dicembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    La scadenza per la presentazione delle domande fissata per il 22 maggio

    Il Comune di Bagno a Ripoli ha approvato anche per l’anno 2013 il bando di concorso per l’assegnazione di contributi ad integrazione dei canoni di locazione, indetto ai sensi della legge 9 dicembre 1998, n. 431 e successive modificazioni, in pubblicazione fino al 22 maggio 2013.

     

    Anche per quest'anno la partecipazione è subordinata al possesso di attestazione Ise/Isee (Indicatore Situazione Economica Equivalente). Non è necessario richiederla qualora il richiedente ne sia già in possesso, purché in corso di validità. In mancanza di attestazione o se l'attestazione è scaduta è possibile rivolgersi ai Centri Autorizzati di Assistenza Fiscale (Caaf). Scadenza: 22 maggio 2013. Riconsegna delle domande direttamente all’Ufficio Relazioni con il Pubblico o spedizione tramite raccomandata postale A.R. (non fa fede il timbro postale).

     

    Il bando e i moduli di domanda per la partecipazione sono in distribuzione presso:
    – Ufficio Relazioni con il Pubblico del Comune, piazza della Vittoria n. 1, nei seguenti orari: lunedì, mercoledì e venerdì dalle 8 alle 13, il martedì dalle 8 alle 12, il sabato dalle 8.30 alle 12.30, il martedì e il giovedì anche dalle 14.30 alle 18;
    – Ufficio Assistenza, Via F.lli Orsi n. 22, nei seguenti orari: il lunedì dalle 8 alle 13 e il martedì e giovedì dalle 14.30 alle 18.

     

    Il bando e la relativa domanda sono scaricabili anche dal sito del Comune di Bagno a Ripoli (http://www.comune.bagno-a-ripoli.fi.it). Informazioni: Call Center Linea Comune, tel. 055.055, da lunedì a sabato, ore 8-20.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...







    I Cammini dell'Acqua