spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
venerdì 7 Ottobre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Destinato ad associazioni di volontariato o di protezione civile: tutti i dettagli

    BAGNO A RIPOLI – Il Comune di Bagno a Ripoli informa che sono aperti i termini di un avviso di indagine esplorativa rivolto alle associazione di volontariato che svolgono attività di protezione civile o simili per l’affidamento dell’incarico di collaborazione con l'amministrazione comunale per il presidio dell'Oratorio di Santa Caterina all'Antella ed altre attività collaterali nel periodo dal 10 settembre 2013 al 13 gennaio 2014.

     

    Si tratta della collaborazione con l'amministrazione comunale nell'organizzazione, la vigilanza e il presidio nel corso dell'intera giornata nel periodo 10 settembre 2013 – 13 gennaio 2014, in occasione della mostra “La Città degli Uffizi, Francesco Granacci e Giovanni Larciani all'Oratorio di Santa Caterina all'Antella”.

     

    Esempi della collaborazione richiesta: collaborazione con la polizia municipale per la regolazione del traffico ed il parcheggio delle auto nei momenti di massima presenza di ospiti all'esposizione; assistenza all'amministrazione comunale nella predisposizione e nella gestione di impianti tecnologici di sorveglianza del complesso museale; presidio notturno dell'area durante il periodo della mostra.

     

    Scadenza: lunedì 19 agosto. Informazioni: Ufficio Cultura (Roberta Tucci), tel. 055/6390357, e-mail roberta.tucci@comune.bagno-a-ripoli.fi.it. L'avviso integrale è pubblicato sul sito del Comune di Bagno a Ripoli alla pagina http://tinyurl.com/AvvisoOratorio.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...