spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 21 Luglio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Bar chiuso da tempo all’istituto “Gobetti-Volta”: Rsu pronta a forme di protesta

    "Già da qualche settimana abbiamo indirizzato una lettera a tutti i soggetti istituzionali coinvolti nel territorio per sollecitare la soluzione. Nessuna risposta"

    BAGNO A RIPOLI – La Rappresentanza Sindacale Unitaria (Rsu) dell’istituto “Gobetti – Volta” di Bagno a Ripoli chiede la riapertura del bar della scuola.

    E dice che “non intende fermarsi a questa “denuncia” pubblica e, in assenza di risposte tempestive ed efficaci, proseguirà la sensibilizzazione anche con adeguate forme di protesta”.

    La Rsu dell’istituto “Gobetti-Volta” di Bagno a Ripoli, “già da qualche settimana – si legge in una nota – ha indirizzato una lettera a tutti i soggetti istituzionali coinvolti nel territorio per sollecitare la soluzione indilazionabile e definitiva dell’annosa e grave situazione del bar della scuola, chiuso ormai da tempo”.

    “Ci ha sorpreso – denunciano – l’assoluta mancanza di risposte alla nostra lettera”.

    “E questo ci dispiace – aggiungono – perché la comunità coinvolta, tra studenti e studentesse, personale della scuola , genitori e accessi quotidiani vari, riguarda circa duemila persone”.

    Proprio per tale motivo la Rappresentanza Sindacale Unitaria dell’istituto, “anche su preciso mandato dell’assemblea dei dipendenti – viene precisato – intende portare tale vicenda a conoscenza dell’opinione pubblica del territorio”.

    “Da mesi – denunciano ancora – viviamo la quotidianità con estremo e diffuso disagio. Non è certo la presenza dei pochi distributori automatici di cibo e bevande, né l’alternanza di soluzioni-ponte in supplenza del servizio bar ad aver alleviato o risolto il problema”.

    “Basti citare la mancanza del servizio bar – rimarcano – anche nella forma esterna e minimale, durante il periodo coinciso con l’esame di Stato”.

    “Non ci sembra un motivo accettabile – puntualizzano – quello che fa derivare questo grave problema dal contenzioso legale che sarebbe in atto tra la Città Metropolitana e la vecchia gestione del bar”.

    “Al netto dei problemi legali – rilanciano – l’autorità preposta non può non farsi comunque carico della soluzione di un problema quotidiano che riguarda, come detto, quasi duemila persone”.

    “L’avvicinamento delle elezioni amministrative – concludono – che, fisiologicamente, riguarderanno gli equilibri della Città Metropolitana, rende ancora più urgente la soluzione del problema, che, altrimenti rischia di slittare verso tempi inaccettabili”.

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...