spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
sabato 10 Dicembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Il sindaco commenta il clima con il quale, domenica 5 maggio, si sono svolte le elezioni

    Urne chiuse alla Fratellanza Popolare di Grassina, dove domenica 5 maggio si è proceduto alle votazioni: in serata dovrebbero essere ufficializzati gli eletti nel nuovo consiglio. Ma le polemiche che hanno segnato l'avvicinamento a questo rinnovo non si sono certo placate.

     

    Le accuse da parte di un gruppo di volontari sulla mancanza di democrazia interna (clicca qui per leggere l'articolo), le repliche da parte del presidente Michele Cotugno (clicca qui per leggere l'articolo), il clima pesante che si è respirato in queste ultime settimane hanno reso l'aria davvero elettrica.

     

    Una situazione che non fa dormire sonni tranquilli nemmeno al sindaco di Bagno a Ripoli Luciano Bartolini, che sa bene quale sia il ruolo fondamentale svolto dalla Fratellanza Popolare grassinese nel tessuto socio-sanitario del territorio.

     

    "Sono un po' preoccupato – ammette Bartolini – per le polemiche. E anche dispiaciuto. Dico solo che bisogna fare tutti il possibile per eliminare queste divergenze, per ricostruire un clima di positività. Anche perché dobbiamo sempre aver presente che è già molto difficile fare le cose in situazione normali: se ci si divide si fa fatica tripla e non si raggiungono i risultati".

     

    "Penso che vecchi e nuovi – prosegue Bartolini – giovani e anziani, debbano ritrovare un clima positivo. Se mi sono fatto un'idea su quel che è accaduto? Credo che si sia partiti da divergenze nel concepire il rapporto fra servizi e volontari, fra 118 e altri servizi. E che su questo si siano innestate differenze di impostazione e conflitti anche personali".

     

    "Non ci possiamo permettere di perdere nessuno in un'associazione – rilancia – Lo sforzo deve essere fatto in ogni senso: l'auspicio, anche da parte del Comune, è che si riesca a ritrovare concordia. E' evidente che l'amministrazione comunale non deve intromettersi, ma con rispetto dell'autonomia delle scelte possiamo esprimere un auspicio di concordia: e se possiamo essere utili in qualche modo ce lo facciano sapere, noi ci siamo".

     

    "E' un dolore – conclude Bartolini – una sofferenza vedere queste polemiche, ma una constatazione dei tempi che si vivono. Dove c'è un aumento spaventoso di conflittualità: e alla fine si sta male tutti. Bisogna avere la capacità di guardare oltre e pensare a chi ha bisogno dei servizi sociali e del 118. Lavorare per il bene dei soggetti per i quali la Fratellanza Popolare grassinese è nata: come ha fatto da sempre".

    di Matteo Pucci

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...







    I Cammini dell'Acqua