spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
venerdì 7 Ottobre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Bartolini al Ministero degli Esteri per il riconoscimento a istituto Unesco di categoria 2

    BAGNO A RIPOLI – Il sindaco di Bagno a Ripoli Luciano Bartolini e il presidente dell'Itki (International Traditional Knowledge Institute) Pietro Laureano al Ministero Affari Esteri per il futuro dell'Istituto delle conoscenze tradizionali.

     

    “Nel pomeriggio di martedì 9 luglio – dice Bartolini – insieme a Pietro Laureano, sono andato a Roma al Ministero degli Affari Esteri per incontrare Vincenza Lomonaco, vice direttore generale per la promozione del Sistema Paese e futuro ambasciatore italiano presso l'Unesco a Parigi".

     

    "Motivo della visita – prosegue il sindaco – approfondire la pratica per il riconoscimento dell'Itki, che si trova all'Antico Spedale del Bigallo, a Bagno a Ripoli, come sede di un istituto Unesco di categoria 2. Tale riconoscimento avviene con un atto siglato dal direttore generale Unesco e dal Ministro degli Esteri Italiano. Il confronto è stato molto utile per ambedue le parti e la strada del riconoscimento, lunga e complessa, è però formalmente e istituzionalmente avviata. Oggi andremo all'Istituto Europeo di Fiesole per illustrare le finalità scientifiche, culturali e di rilevanza economica dell'Itki al Sottosegretario agli Affari Esteri Mario Giro”.

     

    “La presenza del Comune di Bagno a Ripoli – aggiunge il presidente Pietro Laureano – oltre che essere importante dal punto di vista della nascita dell'Itki, lo è anche sotto il profilo formale, ed è proprio questo che è risultato nella riunione di ieri. Il Governo Italiano ha infatti difficoltà a riconoscere come sede di un istituto Unesco di categoria 2 strutture completamente private, difficoltà superata proprio dall'essere il Comune di Bagno a Ripoli uno dei fondatori dell'Itki. La presenza ripolese è dunque decisiva in questo percorso”.

     

    L’Istituto Internazionale delle Conoscenze Tradizionali (Itki), costituitosi alcuni anni fa per conto di Ipogea, Comune di Bagno a Ripoli, Nobrega Foundation e Fondazione Romualdo del Bianco, e con l'ingresso poi di Politecnica, ha sede all'Antico Spedale del Bigallo, a Bagno a Ripoli, più una sede operativa all'Auditorium Duomo di Via de' Cerretani a Firenze.

     

    L'Itki sta diventando lo snodo di una rete internazionale per l’inventario, la salvaguardia e la diffusione innovativa delle conoscenze tradizionali, per creare una banca dati di tali conoscenze, che diverrà il portale privilegiato e un sistema di certificazione per soluzioni, buone pratiche e imprese di qualità impegnate a salvaguardare paesaggi, ecosistemi e patrimonio culturale, scientifico e tecnico dei popoli. Le soluzioni tradizionali e innovative proposte saranno diffuse dagli oltre 800 siti Unesco nel mondo e da una rete internazionale di fondazioni, centri, esperti e operatori.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...