spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 7 Febbraio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Botti di Capodanno, l’appello del Comune di Bagno a Ripoli: “Fatene a meno”

    “Limitare i botti – dice il sindaco Francesco Casini – significa anche avere a cuore gli amici a quattro zampe"

    BAGNO A RIPOLI – Un appello a limitare l’uso dei botti il più possibile, per garantire un Capodanno in sicurezza per tutti i cittadini e gli amici animali.

    “Auguriamo a tutti i nostri concittadini – dichiara il sindaco Francesco Casini – un buon anno nuovo. Con l’auspicio che l’inizio del 2023 sia accolto nel segno del divertimento e dell’allegria ma anche del rispetto degli altri e delle regole della buona convivenza”.

    Nessuna ordinanza specifica anti-botti, difficilmente applicabile. Ma l’invito a fare a meno del lancio di botti e petardi la notte di San Silvestro.

    “L’obiettivo in primo luogo è quello di tutelare l’incolumità di noi stessi e di chi ci circonda – dice il sindaco – Ma anche quello di rispettare le persone più fragili, bambini e anziani per primi, che potrebbero spaventarsi per il rumore dei botti e trarne conseguenze negative”.

    Ultimi ma non per importanza gli amici a quattro zampe.

    “Limitare i botti – prosegue Casini – significa anche avere a cuore gli amici a quattro zampe, che spaventati dal fragore dei petardi, come sappiamo capita spesso che si allontanino e si smarriscano”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...