spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 28 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Aveva in cantina due animali appena uccisi. Sequestrata carne e numerose armi

    A seguito di una intensa attività di vigilanza, nella notte fra il 7-8 febbraio scorsi la polizia provinciale di Firenze ha effettuato una significativa azione di contrasto al bracconaggio nel territorio comunale di Bagno a Ripoli, ambito dell’A.T.C. 5, dove sono stati sequestrati alcuni fucili da caccia, una carabina ad aria compressa, centinaia di cartucce a munizione spezzata ed a palla unica, due balestre, un dardo con punta illegale e un grande quantitativo di armi da taglio di varia dimensione e foggia (pugnali, accette, coltelli a serramanico, in foto le armi sequestrate).

     

    Destinatario del provvedimento di sequestro e della denuncia penale un bracconiere trovato in possesso di un daino e di un cinghiale, appena abbattuti, in periodo di chiusura generale della caccia e che era addirittura sprovvisto sia di porto d’armi che di autorizzazione alla detenzione delle stesse.

     

    Sono stati sequestrati i due animali che erano appesi in cantina e pronti per essere tagliati oltre ad un ingente quantitativo di carne già lavorata e surgelata appartenente alle seguenti specie: daino, cinghiale, capriolo, lepre, e numerosi uccelli quali beccacce e fagiani contenuti in ben quattro grandi surgelatori a pozzetto.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...