spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 4 Dicembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Sono a Case San Romolo e vengono destinati a cittadini ripolesi e imprunetini

    Tre alloggi di edilizia residenziale pubblica, con taglio variabile, sono pronti per essere subito abitati da altrettante famiglie di Bagno a Ripoli e Impruneta.

     

    Gli appartamenti saranno consegnati sabato 20 aprile, alle 15.30, dal Comune di Bagno a Ripoli, dal Comune di Impruneta e da Casa Spa, la società di progettazione e gestione del patrimonio di edilizia residenziale pubblica partecipata dei 33 Comuni dell’Area Fiorentina.

     

    Le abitazioni si trovano in via di San Romolo, 40 a-b, nell’omonima frazione del comune di Bagno a Ripoli e costituiscono un fabbricato di tre alloggi di edilizia residenziale pubblica risultato di un intervento di recupero edilizio, volto alla trasformazione di un edificio destinato originariamente ad ospitare il circolo ricreativo della località Case di San Romolo (Bagno a Ripoli), in alloggi di civile abitazione.

     

    Ognuno dei tre alloggi ha l’ingresso indipendente: il più grande direttamente dalla strada, mentre gli altri due, tra i quali uno per portatori di handicap, dal resede condominiale sul lato sud-est. Pur mantenendo inalterato il volume dell’edificio originario, sono state apportate varie modifiche alle aperture in facciata, per poter soddisfare le esigenze aero-illuminanti dei nuovi alloggi.

     

    Il fabbricato è stato oggetto di diversi interventi di consolidamento locali, che, pur non modificando il comportamento strutturale originario, hanno consentito di ottenere un notevole miglioramento complessivo dell’edificio. La copertura e le facciate sono finite secondo i materiali ed i colori del contesto in cui è inserito l’intervento, mentre le relative prestazioni termiche sono state migliorate grazie alla realizzazione di un risanamento del manto, del cappotto coibente in facciata e degli infissi termici.

     

    Dal punto di vista tecnologico le nuove unità immobiliari sono dotate d’impianto autonomo di riscaldamento, con terminali in radiatori, con produzione di acqua calda sanitaria integrata da impianto solare. Le porzioni di resede esterne sono state riqualificate con una pavimentazione in autobloccanti in calcestruzzo vibro-compresso.

     

    È stato inoltre realizzato l’allargamento dell’accesso pedonale per garantire, in caso di necessità, un passo carrabile a servizio dell’alloggio per portatori di handicap. La parte più interna del resede condominiale, lato sud-ovest, è stata mantenuta a verde e raccordata con gli altri spazi condominiali. Il costo globale dell’intervento è stato di 313mila euro (Iva compresa).

     

    Alla cerimonia d’inaugurazione parteciperanno il sindaco di Bagno a Ripoli, Luciano Bartolini, l’assessore alle politiche abitative di Bagno a Ripoli Rita Guidetti, e il presidente di Casa Spa Luca Talluri. Saranno presenti, inoltre, il sindaco del Comune di Impruneta Ida Beneforti Gigli, e l’assessore alla casa del Comune di Impruneta Paolo Poggini.

     

    "L'mpegno del Comune di Bagno a Ripoli su un problema casa che è sempre più importante e che sta trasformando la vita nelle nostre comunità – dice il sindaco Bartolini – è a tutto tondo. Segnaliamo altre tre azioni: intanto, stiamo per riaprire il bando per i contributi all'affitto, e poi altre due ottime operazioni in corso sempre attraverso Casa Spa, ovvero la ristrutturazione, in accordo con il Comune di Firenze che ne è proprietario e che ringraziamo, di ben 7 appartamenti a Meoste, che presto saranno assegnati, e gli interventi di ristrutturazione in corso di altri 4 appartamenti in località Il Boscaccio”.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...







    I Cammini dell'Acqua