spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
venerdì 9 Dicembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    “Non stanno certo dando una bella prova di quella novità in politica che tanto sbandierano”

    BAGNO A RIPOLI – Ci va giù duro, durissimo il sindaco di Bagno a Ripoli Francesco Casini, nei confronti di MoVimento 5 Stelle, Cittadinanza Attiva, Insieme per Bagno a Ripoli, a proposito della querelle sull'ispezione del Ministero dell'Economia e delle Finanze.

     

    E di tutte le polemiche che sta comportando per il suo predecessore, Luciano Bartolini, oggi candidato Pd al consiglio regionale.

     

    "Devo dire – chiarisce subito il sindao – che le opposizioni in consiglio comunale ed extraconsiliari, unite in una sorta di singolare "Triplice alleanza" ad uso e consumo elettorale, non stanno dando una bella prova di quella 'novità della politica' che sbandierano a gran voce".

     

    "Infatti – incalza – o non comprendono le puntuali spiegazioni fornite dal sottoscritto e dal vicesindaco in più occasioni o fingono di non capire, con buona pace di ogni trasparenza e onestà intellettuale".

     

    "Devo anche dire – rilancia – che non mi stupisce più di tanto questa polemica innescata alla vigilia delle regionali: fra le opposizioni ripolesi vi sono dei candidati in corsa proprio alle elezioni di domenica. Insomma, non c'è candidato solo l'ex sindaco di Bagno a Ripoli Luciano Bartolini!".

     

    "Ecco qua – rincara – La loro è una chiara strumentalizzazione dei fatti e certo non fanno un favore alla comunità raccontando cose non vere o incomplete, cioè disinformando anziché informare: parlano di indagine, mentre si tratta di una verifica amministrativa, tecnicamente definita "ispezione collaborativa", sovente avviata a campione, e svolta da funzionari del Ministero Economia e Finanze, non di altri enti e istituzioni, né tanto meno da ispettori di Guardia di Finanza,  come invece viene sostenuto da queste forze politiche".

     

    "In pratica – spiega Casini – il Ministero chiede aggiornamenti e risposte su alcune spese del personale effettuate fra 2004 e 2013, nelle due precedenti legislature. Non ci sono segreti o misteri, tanto meno mancata trasparenza! L'amministrazione comunale non ha un termine per rispondere a queste osservazioni e i tempi che ci siamo presi sono congrui con il lavoro che c'era da svolgere, legato soprattutto al recupero di una quantità non indifferente di dati".

     

    "Rispetto alla moltitudine di impegni – dice ancora – progetti, atti di governo, gestione dell'ordinario, ai quali dobbiamo dedicarci nell'interesse dei cittadini e della comunità, rispondere al Ministero su questo tema è importante, ma rientra nel novero delle molte cose importanti da fare. Siamo adesso finalmente arrivati in fondo al lavoro e ne discuteremo nel merito nel modo più trasparente".

     

    "Peraltro – ricorda – già abbiamo dato alcune anticipazioni di risposte dell'amministrazione comunale alle forze politiche in consiglio comunale e, a lavoro completato, torneremo a discuterne in quella sede e nelle commissioni consiliari permanenti. Le nostre risposte sono chiare e trasparenti e siamo certi che la bolla di sapone di oggi si sgonfierà presto".

     

    "Non solo – Casini è un fiume in piena – Ricordo poi che, qualora il Ministero accertasse responsabilità o errori di tipo amministrativo della passata legislatura, le conseguenze non graverebbero sul Comune. I costi infatti andrebbero a carico delle persone, amministratori e dirigenti, direttamente oggetto della verifica".

     

    "Tutto ciò conferma – conclude – che la polemica delle opposizioni è a scopo puramente elettorale: personalmente non ho intenzione di dedicare a questa strumentalizzazione altro tempo e spazio, avendo ben altre priorità, più importanti per i cittadini".

    di Matteo Pucci

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...







    I Cammini dell'Acqua