spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 27 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Una ragazza di sedici anni ricoverata in prognosi riservata. Profilassi in corso

    Una ragazza di sedici anni di Pontassieve, che frequenta un istituto superiore nel comune di Bagno a Ripoli (l'"Alessandro Volta" nel capoluogo), è ricoverata nel reparto di rianimazione dell'Ospedale Santa Maria Annunziata dalla sera di mercoledì e la diagnosi dei medici è quella di meningite. Gli stessi medici mantengono da allora la prognosi riservata.

     

    "Sono state avviate – fa sapere l'Azienda Sanitaria Fiorentina in una nota – tutte le misure di profilassi che si rendono necessarie in questi casi e sono stati attivati gli interventi di prevenzione nei confronti delle persone, familiari, amici e compagni di classe, che sono state a stretto e prolungato contatto con la ragazza".

     

    Molto preoccupato il sindaco di Bagno a Ripoli, Luciano Bartolini, che ha postato su Facebook alcune dichiarazioni: "Ho parlato immediatamente anche con la dirigente scolastica Clara Pistolesi che mi ha rassicurato sul fatto che sono stati avvisati tutti i ragazzi della classe (una seconda) e coloro che possono essere stati a contatto diretto con la giovane. Avvisati anche medici di famiglia e pediatri nonchè coloro che prendono la Sita con la giovane".

     

    "Ma come si prende la meningite? – si chiede il sindaco – Risposta dei medici:attraverso l'aria. La cosa migliore è quindi di non trascurare da subito i primi sintomi. Da quello che mi hanno detto sia la dirigente che la Asl, il fenomeno è sotto controllo".

     

    Clicca qui per gli aggiornamenti.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...