lunedì 10 Agosto 2020
Altre aree

    Cassa Depositi e Prestiti e Comune di Bagno a Ripoli: firmato il Protocollo d’intesa per l’edilizia scolastica

    CDP fornirà consulenza tecnico-amministrativa a supporto degli interventi di ampliamento, messa in sicurezza, adeguamento antisismico ed efficientamento energetico della "Redi"

    BAGNO A RIPOLI – Cassa Depositi e Prestiti e Comune di Bagno a Ripoli hanno siglato un Protocollo d’intesa finalizzato a rafforzare la collaborazione nell’ambito degli interventi di edilizia scolastica per il miglioramento sismico, riqualificazione e ampliamento del plesso scolastico “Francesco Redi” per la cui realizzazione è stato stimato un investimento di circa 4,5 milioni di euro.

    In questo ambito, CDP fornirà al Comune di Bagno a Ripoli attività di consulenza tecnico-amministrativa per accelerare la realizzazione degli interventi programmati in un’ottica di ottimizzazione nell’utilizzo delle risorse.

    “In linea con il suo piano industriale 2019-21 – si legge in una nota – Cassa Depositi e Prestiti affiancherà il Comune di Bagno a Ripoli nelle varie fasi dell’iter progettuale, procedurale e amministrativo degli interventi con le seguenti attività: supporto tecnico sulla progettazione, consulenza amministrativa sui bandi di gara per affidamento dei servizi di ingegneria per la progettazione dell’ampliamento del plesso scolastico e di appalto lavori, supporto nella fase di gestione dei contratti. Per dare corso a questa intesa, è prevista da parte di CDP un’assistenza continuativa per rispettare l’iter e per imprimere un’accelerazione sui progetti”. 
     

    “Quella firmata – ha dichiarato Francesco Casini, sindaco del Comune di Bagno a Ripoli – è un’intesa innovativa e importantissima per il nostro Comune, al centro ci sono la nostra scuola e la formazione delle generazioni future”.

    “Ringrazio profondamente Cassa Depositi e Prestiti – ha proseguito – che ha accolto la nostra progettualità e ha selezionato la nostra amministrazione per questa opportunità. I nostri tecnici sono già al lavoro con i professionisti di CDP con un contatto e una collaborazione davvero costante e proficua”.

    “Il protocollo d’intesa – ha detto convinto – porterà benefici alla seconda fase dei lavori previsti per la scuola media “Redi” sia in termini qualitativi che di tempestività nella realizzazione dell’intervento. Il risultato sarà una “casa” completamente nuova, per la quale è previsto un investimento complessivo di 4,5 milioni di euro”.

    “Una struttura rinnovata – ha concluso – efficiente, sicura e moderna per i nostri alunni, da prendere come modello per l’edilizia scolastica a livello metropolitano. È una partnership con CDP da replicare, questo è l’auspicio, anche in altri contesti”.

    “Il protocollo d’intesa firmato – ha dichiarato Tommaso Sabato, Direttore CDP Infrastrutture e Pubblica Amministrazione – testimonia il forte impegno di CDP al fianco degli Enti Locali nell’accelerare il processo di sviluppo delle infrastrutture sul territorio”.

    “Con il Comune di Bagno a Ripoli – ha concluso – sigliamo un accordo di cui andiamo molto orgogliosi e rafforziamo ulteriormente il modello di coesione con le comunità, ponendo al centro il tema della sostenibilità. Infatti, grazie al contributo di Cassa Depositi e Prestiti, il Comune potrà fruire in tempi rapidi di una scuola moderna, sicura, efficiente e didatticamente innovativa”. 

    “L’intesa tra Comune e Cassa Depositi e Prestiti – conclude la nota – ha reso possibile programmare la ristrutturazione della parte del plesso rimanente, secondo i canoni della didattica innovativa, individuati grazie al supporto prestato dai ricercatori di INDIRE, l’Istituto Nazionale di Documentazione, Innovazione e Ricerca Educativa. 

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...

    Sostengono Il Gazzettino