spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 21 Luglio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Gli alunni dell’elementare dell’Antella classe ’64-’65 si ritrovano oltre 50 anni dopo

    Una bella serata al ristorante-pizzeria "Boccapiena": insieme a loro anche la maestra, Franca Felici. Le foto

    ANTELLA (BAGNO A RIPOLI) – Si sono ritrovati a cena al ristorante pizzeria "Boccapiena", gli ex alunni della scuola Michelet di Antella nati fra il 1964 e il 1965. Con loro anche la maestra, Franca Felici, che li ha portati dalla prima alla quinta elementare.

     

    Cinque anni insieme, dal 1970 al 1976. Ricontattarsi non è stato difficile grazie al passaparola e ai messaggi sui social. Quasi tutti sono rimasti a vivere nella zona di Antella ma c'è anche chi, allontanatosi per motivi familiari, è venuto apposta da Milano.

     

    Tanta l'emozione e tanta  la gioia di ritrovarsi quasi tutti per festeggiare insieme alla maestra. Tanti anche i ricordi: chi è caduto in vasca (nel giardino della scuola inizialmente c'era una vasca con i pesci rossi che poi è stata tolta), le partite di calcio in classe con la cimosa, le femmine che venivano prese in giro dai maschi. E ancora chi era più bravo in matematica chi in grammatica.

     

    "Ma sopratutto – dicono gli ex alunni – la prima frase scritta il primo giorno di scuola "Oggi c'è il sole" e la maestra che, nonostante i suoi quasi 86 anni, si ricordava di tutto e di tutti! Gli anni sono trascorsi ma noi siamo rimasti gli stessi".

    di Stefano Casprini

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...