spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 27 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Fiori e sorrisi per questa centenaria arrivata dalla campagna sancascianese

    Lunedì 18 febbraio la signora Dina Francioni, in occasione della festa per il suo centesimo compleanno, ha ricevuto la visita del sindaco di Bagno a Ripoli Luciano Bartolini e insieme hanno brindato allo splendido traguardo. Per esprimere il suo personale “grazie”, il sindaco ha regalato alla signora Dina una pergamena e l'estratto dell'atto di nascita incorniciato.

     

    Dicono di lei i familiari: “Dina nasce a Mercatale, frazione di San Casciano, il 18 febbraio 1913, da Eugenio, fattore in località Campòli, e Luisa. Dopo di lei nascono Rita e Gina, rispettivamente nel 1915 e nel 1917. Nel 1929, a seguito della morte del padre, Dina si trasferisce con la madre e le sorelle a Firenze, dove fa la sarta per mantenere la famiglia e nel 1931 conosce Giuseppe Vermigli, che sposerà nel 1935".

     

    "Nel 1936 – continua la storia – nasce la primogenita Paola. Con la seconda guerra mondiale Giuseppe parte per la Libia, viene fatto prigioniero e deportato in Germania. Nel frattempo, Dina con il suo lavoro  continua a mantenere la piccola famiglia. Nel 1946 Giuseppe rientra dalla prigionia in Germania e nel 1947 nasce Paolo. Poi il compito principale di Dina è provvedere alle esigenze della famiglia fino alla morte di suo marito nel 1999, dopo 64 anni di felice matrimonio. Dal 2007 Dina è ospitata presso la struttura Villa Santa Teresa a Bagno a Ripoli, seguita dall'affetto dei suoi familiari e dalle cure attente del personale”.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...