spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
giovedì 8 Dicembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Centri estivi comunali, iscrizioni al via a Bagno a Ripoli: tutte le info utili

    Domande aperte da martedì 25. Il servizio sarà attivo dal 14 giugno fino al 6 agosto. Il sindaco: "Anche questa estate siamo pronti a garantire lo svolgimento delle attività in sicurezza"

    BAGNO A RIPOLI – Anche quest’anno i centri estivi comunali sono pronti a prendere il via per i bambini della scuola dell’infanzia (4 e 5 anni) e della scuola primaria.

    Le iscrizioni apriranno ufficialmente martedì 25 maggio e potranno pervenire solo online, sul sito del Comune di Bagno a Ripoli, iscrivendosi con credenziali forti (SPID, CNS o CIE).

    Sarà possibile fare domanda fino alle ore 12.00 di lunedì 7 giugno per i primi due turni, e fino alle 12.00 di lunedì 28 giugno per gli altri turni.

    Il servizio sarà garantito dal 14 giugno al 6 agosto 2021 e si svolgerà nelle strutture della scuola “G. Marconi” a Grassina e della scuola “F. Granacci” a Bagno a Ripoli.

    Qualora non venga raggiunto il numero minimo di 20 partecipanti per quest’ultima, i bambini iscritti alla Granacci potranno frequentare ugualmente i centri estivi alla scuola Marconi, con trasporto a carico dell’Ente. In accordo con le norme sulle riaperture, le ragazze ed i ragazzi della scuola primaria potranno usufruire anche della piscina.

    Questi i turni previsti per entrambe le sedi:

    1° turno: 14 giugno – 25 giugno (2 settimane, solo per i bambini della Scuola Primaria);

    2° turno:  28 giugno – 2 luglio (1 settimana);

    3° turno:  5 luglio – 16 luglio (2 settimane);

    4° turno: 19 luglio – 30 luglio (2 settimane);

    5° turno: 2 agosto – 6 agosto (1 settimana).

    Al momento della prenotazione, le famiglie potranno indicare il turno e la sede preferita tra Marconi e Granacci. È possibile prenotarsi anche per tutti i turni, compatibilmente con le disponibilità di ciascun periodo, mentre non è possibile “scomporre” i giorni all’interno dei singoli turni. Non è previsto il servizio di trasporto scolastico.

    Come sempre, i centri estivi diurni sono riservati prioritariamente ai bambini residenti a Bagno a Ripoli o che stanno frequentando le scuole primarie e dell’infanzia del territorio. Nella selezione delle domande saranno inoltre valutate la presenza di disabilità e la fragilità del nucleo familiare (su valutazione dei servizi sociali).

    Questi i costi di iscrizione: 110 € per i turni di una settimana, 200 € per i turni di due settimane. Sono previsti sconti per gli altri figli: il costo sarà di 80 € per una settimana o 150 € per due settimane.

    “Dopo l’esperienza del 2020 – dichiara il sindaco Francesco Casini – anche questa estate siamo pronti a garantire lo svolgimento delle attività in sicurezza e nel rispetto di tutte le norme anti-Covid. Speriamo che questo possa segnare l’inizio del ritorno alla normalità anche per i nostri bambini.”.

    “Per venire incontro a quante più famiglie possibile – aggiungono l’assessore alla scuola Francesco Pignotti e l’assessore allo sport Enrico Minelli – quest’anno abbiamo scelto di estendere il periodo di apertura dei centri estivi anche ad agosto, garantendo riduzioni di tariffa per il secondo figlio grazie allo stanziamento di risorse comunali. L’obiettivo è quello di favorire le attività educative e sportive ma anche la socialità dei più piccoli, messa a dura prova dopo oltre un anno di pandemia”.

    Il modulo di iscrizione può essere compilato esclusivamente online con credenziali forti sul sito istituzionale del Comune di Bagno di Ripoli (www.comune.bagno-a-ripoli.fi.it).

    Per informazioni o per richiedere appuntamenti per il rilascio dello SPID è possibile rivolgersi al Settore Servizi Educativi e Sportivi telefonando ai numeri 055/6390365-456 o scrivendo a servizieducativi@comune.bagno-a-ripoli.fi.it francesca.gaeta@comune.bagno-a-ripoli.fi.it.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...







    I Cammini dell'Acqua