spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
venerdì 19 Luglio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    L’assemblea della Casa del Popolo dice sì alla cessione dei giardini al Comune

    Un incontro molto dibattuto quello di sabato, hanno votato per il sì 50 soci, 37 si sono invece opposti

    GRASSINA (BAGNO A RIPOLI) – L'assemblea dei soci della Casa del Popolo di Grassina è stata molto dibattuta. Sul tavolo sabato 28 maggio c'era la proposta del Comune di acquistare per circa 30 mila euro il giardino del circolo (tra il pargheggio e il fiume Ema) per farne uno spazio di verde pubblico.

     

    Alla fine l'assemblea ha dato ragione al consiglio che aveva già votato il suo assenso: i sì sono stati 50, i no 37 e 3 gli astenuti. "Abbiamo avuto una richiesta esplicita da parte dell'amministrazione comunale, abbiamo accettato che il Comune si occupi del giardino pubblico. Il mio compito ora è smorzare ogni polemica", dice il presidente della Casa del Popolo Valeriano Rigacci.

     

    Chi si è opposto alla cessione del giardino parla di svendita e ha spiegato che: "dopo aver acconsentito alla vendita della sede storica al Calcit ci troviamo ora a decidere se privarci di un altro tassello nato dal commovente impegno dei soci di ieri e di oggi". Chi invece è a favore fa osservare che non si tratta di una vendita a un privato, ma un passaggio al comune, cioè a tutti i cittadini.

     

    Il Comune spiega che il progetto, che comprende l'acquisto dei giardini, prevede un investimento complessivo delle casse comunali di 130 mila euro, nei quali ci rientra la sistemazione del pallaio e della zona mercato. Lo scopo è di ristrutturare il giardino più amato dai grassinesi, con nuovi giochi per i bambini e con l'attenzione alle norme di sicurezza. Il Comune ha infine di riaprire il passaggio tra piazza Umberto I e la zona del giardino.

     

     

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...