spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 29 Maggio 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Chiese e monumenti di Bagno a Ripoli: in arrivo i nuovi cartelli informativi grazie al Rotary Club

    L'associazione ha donato al Comune i pannelli descrittivi che accoglieranno cittadini e visitatori all'ingresso di 18 luoghi di culto ed edifici storici, sostituendo i vecchi deteriorati dal tempo

    BAGNO A RIPOLI – Nuovo “biglietto da visita” per chiese ed edifici storici nel comune di Bagno a Ripoli.

    Dall’antica Pieve di San Martino a Grassina alla Pieve di Villamagna, dal Convento dell’Incontro all’Oratorio di Croce a Varliano.

    Diciotto edifici storici, luoghi di cultura e di culto del territorio, dalle prossime settimane accoglieranno visitatori e cittadini con cartelli informativi nuovi di zecca.

    Un’operazione di restauro resa possibile grazie all’impegno del Rotary Club di Bagno a Ripoli, che con il contributo dei soci ha donato all’amministrazione i nuovi pannelli esplicativi. 

    I nuovi cartelli  vanno a sostituire quelli installati oltre venti anni fa nell’ambito del progetto di valorizzazione dei beni culturali “I luoghi della fede” realizzato dalla Regione Toscana, che consentì il censimento di 2.527 edifici-storico religiosi. Tra cui anche decine a Bagno a Ripoli.

    I vecchi pannelli mostravano oramai evidenti segni del tempo e necessitavano di un passaggio di consegne.

    “Il loro stato di deterioramento – spiegano il sindaco Francesco Casini e l’assessora alla cultura Eleonora François – ci era stato segnalato nei mesi scorsi anche da associazioni e da diversi privati cittadini. Forse uno dei pochi effetti positivi della pandemia, che ci ha fatto scoprire o riscoprire il nostro territorio”.

    “Il Rotary Club – aggiungono – si è detto subito disponibile a darci una mano. E oggi con il suo sostegno continueremo a prenderci cura al meglio dei nostri luoghi d’arte e di culto. Al presidente Marco Esposito e a tutti i soci un profondo ringraziamento per la sensibilità dimostrata e per la realizzazione, gradita e non scontata, del nuovo materiale informativo al servizio della collettività e del territorio”. 

    “Ci fa molto piacere aver accolto la segnalazione dell’assessorato alla cultura e di aver potuto contribuire al restauro e al rifacimento della cartellonistica – commenta il presidente del Rotary Club Bagno a Ripoli, Marco Esposito – Da quando è nata, nel 2018, la nostra associazione cerca di essere al servizio della comunità e del territorio cercando di rispondere a segnalazioni rispetto a fabbisogni culturali, delle scuole o altro, per riuscire nel nostro piccolo ad essere di aiuto per la collettività”. 

    Di seguito i luoghi, frazione per frazione, dove sono in corso di installazione i nuovi cartelli.

    Villamagna

    • Chiesa di Sant’Andrea a Candeli

    • Pieve di San Donnino a Villamagna

    • Oratorio del Beato Gherardo

    • Convento dell’Incontro

    Bagno a Ripoli

    • Pieve di San Pietro a Ripoli 

    • Oratorio della SS. Annunziata

    • Chiesa di Santa Maria a Quarto 

    • Chiesa di San Lorenzo a Vicchio di Rimaggio

    • Chiesa di San Tommaso a Baroncelli

    • Oratorio della Croce a Varliano

    • Tabernacolo di Rimaggino 

    • Chiesa di Santo Stefano a Paterno

    Osteria Nuova

    • Le Corti

    • Chiesa di San Quirico a Ruballa

    • Chiesa di San Giorgio a Ruballa

    Antella – Grassina – Ponte a Ema

    • Pieve di Santa Maria all’Antella

    • Chiesa di San Giusto a Ema

    • Chiesa di San Martino a Strada

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...