spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 5 Dicembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Chiusura banca Antella, il sindaco consegna le firme raccolte al direttore della filiale

    Inviata ieri anche una lettera scritta con l'assessore regionale Ciuoffo per scongiurare la chiusura dello sportello di Intesa Sanpaolo: "Chiediamo che la scelta venga rivista"

    ANTELLA (BAGNO A RIPOLI) – A seguito della diffusione della notizia della prospettata chiusura della filiale di Antella della Banca Intesa Sanpaolo, i cittadini della frazione (e non solo) hanno avviato una raccolta firme.

    Organizzata con l’obiettivo di scongiurare questa decisione: iniziativa che in poche ore ha raccolto oltre 500 adesioni.

    Ieri quelle firme sono state consegnate direttamente al direttore della filiale dal sindaco Francesco Casini e dalla consigliera comunale Sandra Baragli.

    “Ci uniamo alle 553 firme raccolte dai nostri consiglieri comunali – spiega il sindaco Francesco Casini – per chiedere che la banca riveda questa scelta”.

    “Non solo per la storia della filiale – rimarca – una delle più antiche del territorio fiorentino, ma anche e soprattutto per l’importanza che ha ancora oggi per la cittadinanza di Antella”.

    “Lungi da noi voler interferire nelle scelte aziendali – precisa il sindaco – ma speriamo che questa grande dimostrazione di attaccamento della comunità alla filiale della frazione possa far cambiare idea ai vertici della banca”.

    Allo stesso scopo, già nelle scorse settimane il sindaco aveva incontrato i responsabili della direzione regionale Toscana-Umbria di Intesa Sanpaolo.

    Nel pomeriggio di ieri il sindaco, insieme all’assessore regionale ai rapporti con gli enti locali Stefano Ciuoffo, ha inoltre inviato una lettera al direttore regionale della banca Luca Severini.

    In questa, è stato ribadito l’invito ad un ulteriore momento di riflessione sulla riorganizzazione della rete degli sportelli sul territorio, che possa tenere conto del forte radicamento che Cassa di Risparmio prima e Intesa Sanpaolo adesso, ha tra gli abitanti di Antella.

    “Siamo vicini – afferma l’assessore regionale ai rapporti con gli enti locali Stefano Ciuoffo – ai cittadini in situazioni come queste, dove si concretizza il rischio della diminuzione o scomparsa di presidi storici di servizi essenziali come in questo caso la filiale di Banca Intesa ad Antella. Sportello bancario aperto quasi cento anni fa dalla Cassa di Risparmio di Firenze essendone espressione territoriale”.

    “L’auspicio – conclude Ciuoffo – è che, pur nella autonomia propria di un soggetto privato, Banca Intesa Sanpaolo possa cogliere il valore del mantenimento di sportelli nei territori di radicamento originario delle banche che poi hanno dato vita fondendosi a quello che adesso è il primo istituto bancario italiano, anche grazie alla storia e ai correntisti di filiali di provincia come questa”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...







    I Cammini dell'Acqua