spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
giovedì 2 Febbraio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Chiusura della legislatura con l’approvazione delle prime due convenzioni con Impruneta

    BAGNO A RIPOLI – Ultimo consiglio comunale nei giorni scorsi a Bagno a Ripoli: con foto di gruppo di tutti i consiglieri comunali e, per quelli più "notturni", una pizzata in compagnia.

     

    In puro "stile ripolese", fatto spesso di collaborazione e rispetto reciproco: un punto al quale ha lavorato e ha tenuto molto il sindaco Luciano Bartolini, arrivato anch'esso al passo d'addio.

     

    Dal punto di vista "tecnico", approvato il conto consuntivo del 2013, che ha quantificato un “risparmio obbligato” di oltre 5.300.000 euro, cifra che non è stata spesa a causa dei vincoli imposti dal Patto di Stabilità.

     

    L'approvazione è avvenuta con 11 voti favorevoli (Pd), 5 contrari (3 Forza Italia, 1 per una Cittadinanza Attiva, 1 Indipendente Passigli) e 1 astenuto (Indipendente Manzoli).

     

    Infine, proprio nell'ultimo consiglio comunale, il dirigente Area Servizi ai cittadini del Comune di Bagno a Ripoli e la responsabile dell'Ufficio Socio Educativo del Comune di Impruneta hanno firmato le prime due convenzioni (servizi sociali e servizi educativi), attive dal 1° maggio, per la gestione associata fra i Comuni di Bagno a Ripoli e Impruneta.
     

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...