spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
mercoledì 8 Febbraio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Decisione comunicata al sindaco Bartolini: “Poste italiane poco rispettosa dei cittadini”

    La scure dei tagli si abbatte su una frazione del territorio ripolese: dal prossimo 18 dicembre chiuderà infatti l’ufficio postale di Osteria Nuova. Nei mesi scorsi Poste Italiane aveva pubblicato l’elenco degli sportelli della Provincia di Firenze a rischio chiusura e il sindaco Luciano Bartolini, insieme ai colleghi di altri Comuni, ha chiesto l’intervento del presidente della Regione Toscana, Enrico Rossi. Purtroppo sul totale di 21 uffici interessati non è stato possibile evitarne la chiusura di 8 e quello di Osteria è tra questi.

    Mercoledì 5 dicembre il sindaco è stato avvisato della decisione e subito ha incontrato il direttore provinciale di Poste Italiane il quale ha spiegato gli elementi che hanno determinato la selezione degli uffici destinati alla chiusura quali: i movimenti allo sportello (lo sportello di Osteria registra una media di circa 50 operazioni al giorno effettuate, in prevalenza, da persone di passaggio); la presenza sul territorio comunale di altri tre uffici di cui uno, quello di Bagno a Ripoli, aperto al pubblico anche nel pomeriggio; la ridotta distanza chilometrica dello sportello di Osteria dagli altri sportelli postali (Antella, Bagno a Ripoli e Grassina).

    “Ho ascoltato – commenta amareggiato il sindaco Luciano Bartolini – le ragioni che hanno determinato l’elenco degli uffici postali da chiudere all’interno della trattativa che si è svolta a livello regionale ma non condivido questa decisione, le modalità e i tempi con le quali è stata adottata".

    "Non sono state accettate le soluzioni alternative che abbiamo prospettato – prosegue – come l’apertura a giorni alterni o una riduzione di orario, né tempi più dilatati sulla definitiva chiusura per consentire ai cittadini, soprattutto agli anziani, di organizzarsi meglio".

    "Oltre al disagio che indubbiamente dovranno subire i residenti di Osteria – conclude – vorrei sottolineare anche il comportamento di Poste Italiane  poco rispettoso nei confronti dei cittadini nel chiudere l'ufficio. Sono state seguite solo logiche economiche nelle decisioni prese dalla direzione centrale. Occorrerà sviluppare una riflessione generale sui servizi di utilità sociale che trovano difficoltà a restare nelle frazione minori".

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...