spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 7 Febbraio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Choc all’Antella: trovato per strada un uomo (60 anni), probabilmente vittima di un pirata della strada. E’ morto

    Vicino a lui pezzi di plastica verosimilmente riconducibili ai fari di un’auto. Sul suo corpo escoriazioni a gambe e braccia, oltre a traumi gravissimi alla testa: compatibili con un investimento

    ANTELLA (BAGNO A RIPOLI) – Choc all’Antella nella mattinata di oggi, martedì 10 gennaio, per il rinvenimento in strada di un uomo. Poi deceduto in ospedale.

    Decesso avvenuto presumibilmente a seguito delle gravissime ferite riportate in un investimento da parte di un automezzo.

    Con il conducente che, con ogni probabilità, è scappato dal luogo dell’incidente.

    Questa mattina infatti, poco prima delle 6, è stato rinvenuto dai sanitari un uomo steso per strada, in coincidenza di uno stop.

    E, nel contempo, vicino a lui, sono stati rinvenuti pezzi di plastica. Verosimilmente riconducibili ai fari di un’auto.

    L’uomo, un cittadino peruviano classe ’62, trasportato d’urgenza al vicino ospedale Santa Maria Annunziata, è deceduto.

    Sul suo corpo i sanitari hanno riscontrato escoriazioni a gambe e braccia, oltre a traumi gravissimi alla testa; lesioni ritenute compatibili con un investimento stradale.

    Sul posto sono intervenuti i carabinieri del Nucleo Radiomobile di Firenze, del Nucleo Operativo della Compagnia di Oltrarno e della Stazione di Grassina.

    I militari adesso indagano sull’accaduto, anche grazie all’ausilio di sistemi di videosorveglianza.

    Investito e ucciso all’Antella da un pirata della strada: l’appello del sindaco Casini

    Il dramma di Antella: “Eloy lasciato morire a terra in una pozza di sangue. Terribile e inaccettabile”

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...