spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 7 Febbraio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Investito e ucciso all’Antella da un pirata della strada: l’appello del sindaco Casini

    L'uomo rimasto vittima, classe 1962, aveva moglie e un figlio di 8 anni. Il primo cittadino: "Se qualcuno ha visto lo dica. Il responsabile si faccia avanti"

    BAGNO A RIPOLI – E’ un appello accorato quello lanciato dal sindaco di Bagno a Ripoli, Francesco Casini.

    In seguito al drammatico ritrovamento di questa mattina all’Antella, dove un 61enne è stato presumibilmente travolto e ucciso da un pirata della strada.

    L’uomo, classe 1962, di nazionalità peruviana, è stao trovato riverso sull’asfalto. Accanto a lui pezzi di un’auto.

    Aveva una moglie e un figlio di otto anni.

    Choc all’Antella: trovato per strada un uomo (60 anni), probabilmente vittima di un pirata della strada. E’ morto

    “Episodio terribile – dice Casini – che ci colpisce molto, avvenuto in una zona 30, in prossimità di un attraversamento protetto”.

    “Nell’area ci sono telecamere – riprende – che gli inquirenti stanno visionando. Consigliamo a chi avesse visto o sentito qualcosa di informare subito i carabinieri”.

    “E anche a chi fosse coinvolto nell’incidente – rilancia – consigliamo di presentarsi spontaneamente alle forze dell’ordine per evitare di aggravare ulteriormente la propria posizione”.

    “Un pensiero per la persona che ha perso la vita – conclude Casini – e di vicinanza ai suoi cari”.

    Il dramma di Antella: “Eloy lasciato morire a terra in una pozza di sangue. Terribile e inaccettabile”

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...