martedì 27 Ottobre 2020
Altre aree

    Ciclo degustazioni al Crc Antella: martedì 29 settembre in viaggio fra bianchi e bollicine

    I vini in degustazione e la parte teorica saranno illustrati da sommelier professionisti. Durante le serate ad ogni vino vengono servite, in abbinamento, pietanze di vario genere

    ANTELLA (BAGNO A RIPOLI) – Secondo ciclo di degustazioni “Estate 2020” al Crc dell’Antella: sul tema “Viaggio tra bianchi e bollicine”.

    Martedì 29 settembre alle 20.30 “Viaggio spensierato nei vini italiani”. Costo della serata 26 euro.

    I vini in degustazione e la parte teorica saranno illustrati da sommelier professionisti. Durante le serate ad ogni vino vengono servite, in abbinamento, pietanze di vario genere: antipasti, primi e/o secondi piatti caldi.

    Verdicchio Cuvèe tradition spumante brut, azienda Colonnara di Cupramontana (Ancona): tagliatelle al ragù bianco.

    Friulano Bianco del Collio Doc 2017, Villa Rumiz di Capriva del Friuli (Gorizia): arista farcita co  contorno di verdure di stagione.

    Otre Passito di Puglia IGP 2016, Cantine Teanum, San Paolo di Civitate (Foggia): dolce al cucchiaio della cuoca.

    Iscrizioni entro il 28 settembre presso la segreteria del Crc Antella (055621207) e/o Alessandro Conti (3298052802).

    (CONTENUTO SPONSORIZZATO)

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...