venerdì 23 Ottobre 2020
Altre aree

    Cinque ragazzi con genitori stranieri sono diventati cittadini italiani

    Come previsto dalla legislazione corrente ne hanno fatto richiesta dopo aver risieduto in Italia ininterrottamente, la cerimonia nella sala consiliare del municipio. In dono la Costituzione

    BAGNO A RIPOLI – Ivy, Mohamed, Kevin, Lucia, Alessia sono i cinque neodiciottenni ripolesi, nati nel nostro Paese da genitori stranieri, che da oggi per lo Stato italiano diventano a tutti gli effetti cittadini italiani ed europei.

    A loro il Comune di Bagno a Ripoli, dove risiedono, ha voluto dedicare una cerimonia ospitata nel pomeriggio nella sala consiliare del municipio.

    Il sindaco Francesco Casini ha accolto come nuovi cittadini italiani Mohamed di origine egiziana, Kevin e Alessia di origine albanese, Lucia di origine cinese e Ivy di origine statunitense.

    Tutti e cinque sono nati sul territorio italiano da genitori di nazionalità straniera e come previsto dalla legislazione corrente, hanno fatto richiesta di cittadinanza al compimento del 18esimo anno di vita, dopo aver risieduto in Italia ininterrottamente.

    L’amministrazione comunale ha donato loro una copia della Costituzione italiana e una pergamena di ricordo.

    “Finalmente – ha dichiarato il sindaco Casini – viene riconosciuto per legge quello che queste ragazze e questi ragazzi, che a Bagno a Ripoli vivono, studiano e hanno la loro casa, si sentono da sempre: cittadini italiani e cittadini europei a tutti gli effetti”.

    “Abbiamo voluto dargli in dono una copia della Costituzione – continua il sindaco – il faro della nostra democrazia che difende i diritti e la libertà di ciascuno di noi. L’augurio è che queste giovani donne e questi giovani uomini facciano valere ogni giorno questi diritti, e che si sentano sempre orgogliosi di rappresentare il nostro Paese e l’Europa”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...