spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
mercoledì 28 Settembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Replica del Comune alle richieste di limitazioni sull’uso di animali negli spettacoli

    BAGNO A RIPOLI – La Lav, Casa Pound: nei giorni scorsi si sono scagliati contro la presenza del Circo di Vienna nel comune di Bagno a Ripoli. "Non si possono – era solo una delle critiche avanzate dalla Lav – fornire ai bambini degli spettacoli basati sullo sfruttamento e la violenza".

     

    Si invitava quindi l'amministrazione comunale ripolese ad approvare una mozione che restringesse l'uso degli animali negli spettacoli (la foto che vedete nonn riguarda il Circo di Vienna ma è d'archivio).

     

    “Le attività circensi – è la repica del Comune di Bagno a Ripoli – con o senza animali, sono tutelate dalla legge, che obbliga ogni Comune a dotarsi di uno spazio libero per tali spettacoli. Il Circo di Vienna è in possesso di tutti i permessi e i requisiti previsti dalla legge, ai quali si è aggiunto il supporto del Servizio Veterinario della Asl, che ha verificato che gli animali sono tenuti in ottime condizioni".

     

    "Il sindaco – proseguono – e quindi il Comune, attestata la regolarità rispetto alla legge di tutte le attività svolte sul territorio, non può che autorizzarle senza in questa sede e in questa fase entrare nel merito di valutazioni personali o politiche, come accade per altre situazioni dibattute e controverse (caccia, sale giochi)".

     

    "La nostra scelta – concludono – senza alcuna polemica, rispetta la legge e quindi le idee di chi apprezza il circo con animali e di chi preferisce il circo senza animali. La discussione sulla disincentivazione all'uso di animali nei circhi è uno degli aspetti delle politiche di tutela degli animali, da affrontare in un un quadro più vasto, a partire dal Parlamento, e non nella contingenza”.

     

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...