spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
giovedì 6 Ottobre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    “Il Comune di Bagno a Ripoli inglobi le norme (riconosciute) sul benessere degli animali”

    BAGNO A RIPOLI – "Anche noi sappiamo che la legge italiana ammette i circhi con animali e quindi non chiediamo l'impossibile ad una Amministrazione comunale. Chiediamo però ciò che è in grado di fare: regolamentare in maniera organica e dettagliata la presenza di un circo con animali sul territorio".

     

    A prendere di nuovo la parola sulla vicenda della presenza del Circo di Vienna sul territorio comunaler ripolese è la LAV di Firenze, che aveva sollevato la questione della prsenza di animali nei suoi spettacoli. Chiedendo un intervento al Comune di Bagno a Ripoli che, nei giorni scorsi, aveva risposto che il circo rispettava tutte le normative di legge (clicca qui per leggere l'articolo).

     

    "C'è da mettersi al passo con i tempi di una civiltà che considera gli animali esseri viventi e quindi senzienti (Trattato di Lisbona) – dice la LAV – che considera il loro sfruttamento a scopo ludico una forma di arretratezza culturale, che vuole praticare ideali di compassione e di giustizia".

     

    In che modo? "Tenendo conto – è la risposta della Lega Anti Vivisezione fiorentina – in maniera capillare di quanto stabilito dalle norme esistenti, attivando un sistema di regolamentazione raffinato, più aderente alle necessità di tutela del benessere animale e degli operatori del settore e che escluda, dalle specie al seguito del circo, quelle che la Commissione Scientifica CITES del Ministero dell’Ambiente ha identificato avere un modello gestionale non compatibile con la vita in una struttura mobile". 

     

    "Tali linee guida del 10 maggio 2000 – proseguono – integrate in data 19 aprile 2006 con prot. DPN/10/2006/11106,  sottolineano infatti come la detenzione  al seguito degli spettacoli itineranti di alcune specie animali in particolare, per le quali comunque sia vincolante la nascita in cattività, il modello di gestione risulti incompatibile con la detenzione. Tali specie vengono identificate nelle seguenti: primati, delfini, lupi, orsi, grandi felini, foche, elefanti, rinoceronti, ippopotami, giraffe, rapaci diurni e notturni".

     

    "Inoltre – dicono ancora – le peculiari esigenze etologiche e fisiologiche dei rettili maggiormente utilizzati nei circhi (coccodrilli, alligatori, boidi, iguane o altri sauri di grosse dimensioni), rendono la loro esposizione al di fuori delle teche  inevitabilmente stressante,  sia per la manipolazione cui vengono sottoposti,  sia per i repentini cambiamenti di clima dovuti al continuo spostamento (essendo animali eterotermi e di clima tropicale dovrebbero sempre alloggiare in ambienti a temperatura ed umidità controllata), sia per la repentina esposizione al rumore ed alla luce, particolarmente stressante per animali di prevalenti abitudini acquatiche o fossorie, o comunque  il cui benessere è legato alla continua possibilità di celarsi alla vista".

     

    "Quindi – rilanciano – come si può dedurre da quanto premesso, a noi non interessano quelle che il Comune di Bagno a Ripoli chiama "valutazioni personali o politiche", a noi interessa che le norme Cites vengano fatte proprie e considerate per quello che sono: norme e non "idee di chi apprezza il circo con animali e di chi preferisce il circo senza animali". Se altre città in Italia hanno legiferato senza contrastare la specifica legge nazionale sui circhi  ma inglobando le altre norme attinenti al benessere degli animali, anche il Comune di Bagno a Ripoli, estraendo dalle paludi della dimenticanza tutti quei concetti etologici che potrebbero sostituire la trama di una regolamentazione ormai sclerotizzata, lo potrà fare".

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...