domenica 5 Luglio 2020
Altre aree

    CNA commissiona mascherine e gel a imprese locali e le dona alle associazioni del territorio

    CNA Impresa Sensibile, l’onlus di CNA, su progetto di CNA Chianti, ha investito 15mila euro. Commissionando a imprese che hanno riconvertito la produzione

    FIRENZE – Aiutare le associazioni assistenziali della Città Metropolitana di Firenze che si occupano di anziani, diversamente abili, malati e persone in difficoltà e al contempo sostenere le imprese del territorio colpite dalla crisi economica innescata dalla pandemia.

    Questo l’obiettivo di CNA Impresa Sensibile, l’onlus di CNA, che, su progetto di CNA Chianti, ha investito 15mila euro.

    Commissionando mascherine chirurgiche ad imprese del settore moda che si sono riconvertite provvisoriamente in produzioni diverse e gel igienizzante ad aziende del ramo profumeria, anch’esse riconvertite.

    Per il territorio del Chianti fiorentino e delle colline fiorentine, la consegna di 90 litri di gel e 650 mascherine è stata fatta alla Fratellanza Popolare di Grassina.

    “Un atto doveroso per un’associazione come CNA che, da sempre, guarda al benessere economico e sociale dei territori in cui si trova ad operare” ha commentato Giulia Biagioli, presidente dei Giovani Imprenditori di CNA, nel consegnare i dispositivi a Michele Cotugno, presidente della Fratellanza Popolare di Grassina.

    L’obiettivo di CNA è quello di far arrivare il materiale sul territorio del Chianti fiorentino nel modo più capillare possibile, da qui la scelta della Fratellanza Popolare che offre i suoi servizi anche a persone che provengono da territori limitrofi (Greve in Chianti, Impruneta).

    I presidi sono stati prodotti dalle imprese Teatro Fragranze Uniche, Biacrè, Landi Confezioni e Giuni’s Wallet.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...