spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 27 Settembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Quattro date da non perdere (si parte l’11 ottobre) organizzate dall’associazione

    BAGNO A RIPOLI – L’Associazione Amici di Vicchio di Rimaggio presenta il cartellone d’autunno 2013. L’inaugurazione del ciclo autunnale, venerdì 11 ottobre, è affidata a David Bellugi (flauto dolce), in duo con Ivano Battiston (fisarmonica), con musiche di Haendel, Hindemith, Haydn, Luciani e J. S. Bach.

     

    Seguono: Luca Ballerini (pianoforte), venerdì 25 ottobre, con musiche di Chopin, Schumann e Liszt; il Duo Musizieren (violoncello-chitarra), venerdì 8 novembre, con musiche di Piazzolla, Smith Brindle, de Falla, Portera, Bogdanovic e Gnattali; il Duo Dessì-Giammarco (pianoforte a 4 mani), venerdì 22 novembre, con musiche di Schubert e Debussy.

     

    L’apertura della stagione di autunno, venerdì 11 ottobre, è affidata a due prestigiosi musicisti: il flautista dolce David Bellugi e il fisarmonicista Ivano Battiston. Titolari rispettivamente della cattedra di flauto dolce e fisarmonica al Conservatorio “Cherubini” di Firenze, Bellugi e Battiston rappresentano due icone dell’ambiente musicale toscano e hanno ottenuto i massimi riconoscimenti nelle sedi musicali più prestigiose del mondo.

     

    La loro proposta concertistica è incentrata sul tema della “contaminazione” musicale. Prendendo spunto dal libro 'Dialogo della musica antica et della moderna', scritto nel 1581 da Vincenzo Galilei, il padre di Galileo, la locandina mette a confronto musiche tratte da generi e stili musicali diversi, affiancando il repertorio antico, a quello etnico e contemporaneo: il tutto riproposto in una originale revisione dei due esecutori che, con i loro strumenti, inventano sonorità e timbri del tutto originali.

     

    Così, all’apertura con la Sonata in re minore op. 1 n. 9a di Haendel, segue Hindemith (Trio dal Plönermusiktag) e quindi una Suite di danze tradizionali dell’Est Europa; completano il programma Haydn (Flötenuhr – suite di composizioni per orologio meccanico), Luciani (Canzone notturna) e J. S. Bach (Sonata in la magg, BWV 1032).

     

    Venerdì 25 ottobre è di scena il noto pianista originario di Porretta Terme Luca Ballerini, formatosi alla scuola pianistica di Maria Tipo e premiato fra l’altro al Concours “Géza Anda” nel 1994.

     

    Apprezzato in Italia e all’estero dal pubblico e dalla critica per la profondità e la sensibilità delle sue interpretazioni, ha inciso per Naxos (con le musiche per pianoforte di Alfredo Casella), Tau Records (per il bicentenario dalla nascita di Chopin) e recente è il successo con la pubblicazione per la rivista “Amadeus” di un cd contenente le due Sonate di Ferruccio Busoni al fianco del violinista Luca Fanfoni.

     

    Da molti anni, Ballerini affianca all'attività concertistica quella didattica all'Istituto Superiore di Studi Musicali di Catania, dove è titolare della cattedra di pianoforte. Nella serata ripolese, Ballerini propone un’affascinante scaletta dedicata al grande pianismo romantico: Chopin (Tre Improvvisi), Schumann (Grande Sonata, nella versione del 1836 dell’op. 14), Schumann-Liszt (2 Lieder) e Liszt (Après une lecture de Dante).

     

    Il terzo appuntamento, venerdì 8 novembre, vede protagonista il Duo Musizieren, nato nel 2009 dall’incontro fra la violoncellista Alice Gabbiani e la chitarrista Silvia Tosi. Il nome del duo, mutuato dal verbo tedesco musizieren (letteralmente “far musica”), designa un ideale antitetico alla nostra contemporaneità, richiamando quel fare musica assieme, tipico della tradizione mitteleuropea, che è al contempo “diletto e nutrimento dell’anima” (Paolo Carnevale): non semplice passatempo, dunque, ma ricerca di una comunitaria dimensione culturale e sociale da condividere oggi.

     

    Il programma, particolarmente intrigante, comprende Piazzolla, Smith Brindle, de Falla, Bogdanovic e Gnattali, inoltre, prima esecuzione assoluta, T.O.T.R.Y. (Therapy, our – The Rap, your) del compositore toscano Andrea Portera: “un lavoro basato su quattro frammenti musicali, ciascuno espresso su quattro strati sonori simultanei, simulando l'apparato emozionale umano, cioè coscienza, pre-conscio, inconscio personale, inconscio collettivo".

     

    Per la chiusura del ciclo concertistico d’autunno, venerdì 22 novembre, è ospite il duo pianistico Elisabetta Dessi – Francesco Giammarco. I due pianisti, entrambi docenti al Conservatorio di Cagliari, hanno compiuto insieme gran parte dei loro studi musicali e suonano in duo pianistico dal 1994.

     

    Con questa formazione hanno affrontato un vastissimo repertorio, che spazia dall’integrale delle Sonate di Mozart e Clementi alle più significative composizioni dedicate al quattro mani e al duo pianistico nel ‘900. Invitati da importanti istituzioni concertistiche italiane e straniere, dedicano una particolare attenzione all’opera di Liszt (di cui hanno eseguito più volte anche la Via Crucis e la trascrizione per due pianoforti della Nona Sinfonia di Beethoven) e hanno tra l’altro ricevuto il riconoscimento dell’Istituto Liszt di Bologna.

     

    Per la casa discografica Rivo Alto hanno pubblicato un cd con musiche di Dvořák e, in prima registrazione mondiale, di MacDowell e Heinrich Hofmann. Per la Phoenix Classics hanno inciso le trascrizioni dagli Oratori Christus e S. Elisabetta e Á la Chapelle Sixtine di Liszt (tuttora unica registrazione esistente), ottenendo recensioni di grandissimo favore dalle più importanti riviste musicali italiane.

     

    Per la serata, il duo presenta un accattivante programma intitolato a Schubert (Divertissement à la Hongroise op. 54 D 818) e a un giovanile e poco frequentato Debussy (L’enfante prodigue, Symphonie, Ouverture Diane).

     

    In questo ciclo autunnale l’Associazione Amici di Vicchio stringe un nuovo sodalizio con l’Associazione 'Il cuore si scioglie', dedicandole un appuntamento, per divulgarne le attività e per la raccolta di libere offerte a favore dei suoi progetti di solidarietà e di adozione a distanza.

     

    L’inizio dei concerti è alle 21.15, l'ingresso libero. È possibile sostenere l’iniziativa divenendo soci dell’Associazione Amici di Vicchio di Rimaggio, contattando il 349 2384256. Concorrono al sostegno dell’iniziativa: Ente Cassa di Risparmio di Firenze; Banca di Credito Cooperativo di Pontassieve; Together Florence Inn; Unicoop Firenze – Sezione Bagno a Ripoli Gioielleria Bellandi; Ina Generali; Ditta Bussotti e Fabbrini di Firenze; Rete Toscana Classica.

     

    La chiesa di San Lorenzo a Vicchio di Rimaggio è in via Vicchio e Paterno, a Bagno a Ripoli.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...