spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 26 Febbraio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Consenso informato, pianificazione delle cure e biotestamento. Lunedì 13 novembre incontro all’OSMA

    Aperto al pubblico, organizzato da ComEC e Oncologia. La promotrice, Pino: "Perché si conosca la legge 219 e la si faccia propria"

    PONTE A NICCHERI (BAGNO A RIPOLI) – Un incontro dedicato alla discussione dei contenuti della legge 219/2017 che regola le delicate questioni del consenso ai trattamenti sanitari (il cosiddetto consenso informato), della Pianificazione Condivisa delle Cure (PCC) e delle scelte relative alla fase finale della vita (le cosiddette Disposizioni Anticipate di Trattamento o DAT, conosciute come testamento biologico o biotestamento).

    Lo organizzano congiuntamente lunedì 13 novembre (dalle 15 alle 17) presso la Struttura di Oncologia Medica del presidio Santa Maria Annunziata, il ComEC (Comitato per l’Etica Clinica) dell’Azienda Usl Toscana centro e la struttura di Oncologia Medica Santa Maria Annunziata e Serristori.

    L’evento è aperto ai pazienti, ai loro familiari, ai sanitari, e a tutta la cittadinanza.

    La Pianificazione Condivise delle Cure (PCC), in particolare, è un atto sanitario, tra l’equipe medica e la persona assistita che permette al paziente di pianificare le scelte di cura in maniera graduale rispetto all’andamento di una malattia cronica e invalidante, o caratterizzata da inarrestabile evoluzione con prognosi infausta.

    E di indicare quali sono i trattamenti sanitari che desidera o non desidera ricevere, e quali sono le condizioni in cui desidera o non desidera trovarsi, se nel percorso della malattia dovesse ritrovarsi in uno stato di incoscienza.

    “La Legge difende il diritto alla vita, alla salute, alla dignità e tutela l’autodeterminazione, cioè il diritto di ogni persona di poter fare scelte libere e consapevoli riguardo la propria vita e la propria salute – afferma Maria Simona Pino, direttore della struttura operativa semplice Santa Maria Annunziata e Serristori e promotrice dell’evento – Ciò nonostante, gran parte dei nostri pazienti ignora cosa siano precisamente le PCC. Poiché una legge funziona solo quando è conosciuta occorre uno sforzo unanime perché tutti vengano a conoscenza della Legge 219/2017 e la facciano propria”.

    L’incontro vedrà la partecipazione di alcuni membri del Comitato per l’Etica Clinica, in particolare di Chiara Fusi, avvocato civilista, rappresentante del Comitato di partecipazione per i cittadini e coordinatore ComEC dell’Azienda Usl Toscana centro, Mara Fadanelli, infermiera esperta di bioetica, e di Piero Morino, medico palliativista, vice-coordinatore del ComEC.

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...