spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 27 Settembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Fra i punti all’odg, un’interrogazione sulla chiusura del punto prelievi presso l’ospedale

    BAGNO A RIPOLI –  Giovedì 16 gennaio alle 20, presso la sede municipale in piazza della Vittoria, è convocato il consiglio comunale di Bagno a Ripoli. Questo l'ordine del giorno.

     

    1. Lettura ed approvazione verbali sedute consiliari del 27.11.2013 e dell'11.12.2013.

    2. Comunicazioni del Presidente (deliberazioni della Giunta Municipale n. 140 del 12.12.2013, n. 146 del 16.12.2013 e n. 151 del 23.12.20013 aventi ad oggetto”Prelevamento dal fondo di riserva”).

    3. Comunicazioni del Sindaco.

    4. Interrogazione presentata dal Gruppo Pd sulla chiusura del punto prelievi presso l'Ospedale Santa Maria Annunziata.

    5. Interrogazione presentata dal Consigliere Bensi in merito alle spese in materia urbanistica.

    6. Interrogazione presentata dal Consigliere Bensi in merito alle spese per le politiche sociali.

    7. Toscana Energia spa – Integrazione dell'oggetto sociale per l'accreditamento come Organismo di ispezione: Approvazione – Accordo per il rinnovo del Contratto di Sindacato di voto tra i soci pubblici di Toscana Energia spa: Atto di indirizzo.

    8. Mozione presentata dal Consigliere Poli per un appello per la promozione di un intervento legislativo volto a dare attuazione all'art. 49 della Costituzione.

    9. Regolamento per l'acquisizione di lavori, servizi, forniture in economia. Approvazione.

    10. Nuovo Regolamento del Consiglio Comunale – Approvazione.

    11. Procedura di riconoscimento di debito fuori bilancio ai sensi dell'art. 194, comma 1, lett. a) Decreto Legislativo 267/2000.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...