spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 15 Giugno 2021
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Crc Antella: dopo i lavori di climatizzazione e ricambio aria riapre la pizzeria

    Per celebrare degnamente la riapertura dei locali, lo stesso Crc ha organizzato una superba cena per giovedì 17 giugno (alle 20.30)

    ANTELLA (BAGNO A RIPOLI) – Finalmente ci siamo. Dopo i lavori di climatizzazione e ricambio aria, sabato 12 giugno riapre ufficialmente la pizzeria del Crc dell’Antella.

    Questa la scansione delle aperture.

    Da sabato 12 giugno apertura delle pizzeria dalle 19.30 alle 22.

    Da lunedì 14 giugno, dal lunedì al venerdì, torna l’apertura a pranzo (12-14), anche con possibilità di asporto.

    A breve ripartiranno anche altre iniziative tradizionali, come ad esempio le imperdibili cene-degustazione con abbinamento vini.

    “Dopo tanti mesi di chiusura causa Covid – dice il presidente del Crc antellese, Alessandro Conti – vi aspettiamo numerosi per passare insieme belle serate di socialità”.

    Per celebrare degnamente la riapertura dei locali, lo stesso Crc ha organizzato una superba cena per giovedì 17 giugno (alle 20.30).

    Questo il menu.

    • Impepata di cozze

    • Risotto di mare

    • Filetto di spigola all’Isolana e insalatina

    • Sorbetto al limone

    • Vinco bianco bottiglia

    • Acqua naturizzata o gasata

    Costo della serata, 25 euro. Bambini dai 5 ai 10 anni, 15 euro.

    La cena si terrà nel piazzale della pizzeria. In caso di maltempo si terrà al coperto, zona bar, nel rispetto del distanziamento anti Covid. E’ aperta a soci Arci e Uisp.

    Iscrizioni entro il 16 giugno, presso la segreteria o il bar del Crc dell’Antella: 0556212073474440397.

    (CONTENUTO SPONSORIZZATO)

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...