sabato 31 Ottobre 2020
Altre aree

    Croce Rossa Bagno a Ripoli: va in pensione Marina, storica addetta allo sportello del Poliambulatorio

    "Ora riponi la camicia rosa del Poliambulatorio e rimettiti quella rossa da volontaria. Un abbraccio da parte di tutti i volontari e volontarie del nostro Comitato e grazie di tutto"

    BAGNO A RIPOLI – Un saluto “social” (oltre che dal vivo) per una persona che ha rappresentato per anni una colonna portante della Croce Rossa di Bagno a Ripoli.

    “Marina – dicono dalla Cri ripolese – la nostra addetta all’accettazione con maggiore anzianità di servizio ha fatto il suo ultimo giorno di lavoro. Per oltre 20 anni insieme a Carla sono state il biglietto da visita allo sportello del nostro Poliambulatorio”.

    “Chi di noi ha il medico di famiglia presso la nostra sede – prosegue la Croce Rossa – si ricorderà sicuramente della sua accoglienza calorosa, affettuosa e sorridente”.

    “Marina però non è solo una dipendente – tengono a dire – ma è anche una volontaria ed ha svolto, dai primi anni ’70 servizio quotidianamente insieme al marito Marino, prima in ambulanza, poi curando la copertura dei turni”.

    “Con lo stile che la contraddistingue – aggiungono – è riuscita a far sentire i volontari, soprattutto coloro che svolgono servizi di trasporto sanitario e sociali, una grande famiglia”.

    “Adesso – ricordano, non senza un pizzico di malinconia – è arrivato il momento di prendersi il meritato riposo e godersi la pensione, ma non ti libererai tanto facilmente di noi!”.

    “Quindi Marina – concludono – riponi la camicia rosa del Poliambulatorio e rimettiti quella rossa da volontaria. Un abbraccio da parte di tutti i volontari e volontarie del nostro Comitato e grazie di tutto”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...