domenica 17 Gennaio 2021
Altre aree

    Danneggiò due auto in sosta all’Antella e scappò: dopo un mese di indagini trovato il responsabile

    Si tratta di un 60enne di Bagno a Ripoli, che ha dichiarao di essersi dato alla fuga per l'agitazione del momento. Rintracciato grazie al prezioso lavoro della polizia municipale

    BAGNO A RIPOLI – Adesso i proprietari che, nel dicembre scorso, trovarono le loro auto (due) danneggiate all’Antella, avranno la possibilità di avere un ristoro economico. E parliamo di danni per migliaia di euro.

    Questo grazie al lavoro certosino della polizia municipale di Bagno a Ripoli, che dopo il caso dei giorni scorsi (i due vandali di Grassina) chiuso in pochissimo tempo insieme ai carabinieri, stavolta ha lavorato in autonomia, portando a casa un altro risultato importante.

    C’è voluto circa un mese per l’attività di indagine, che ha portato a individuare l’uomo che, circa un mese fa, aveva sbattuto contro i due mezzi in sosta e poi era scappato, facendo perdere le sue tracce.

    I carabinieri ripolesi, guidati dal comandante Filippo Fusi, hanno messo insieme le tessere di un puzzle complesso.

    Visioni di telecamere, parziali testimonianze e attività ricognitive presso carrozzerie della zona (e non solo), hanno permesso agli agenti di ricostruire gli spostamenti di un’auto. E trovare il suo conducente che, stamani, ha confessato.

    Spiegando di essersi allontanato per paura, per la concitazione del momento.

    L’autore del danneggiamento è un uomo di circa 60 anni, residente nel comune di Bagno a Ripoli.

    Che comunque, ed è un dettaglio da sottolineare, una volta passata… l’agitazione non ha pensato comunque di palesarsi.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...