mercoledì 28 Ottobre 2020
Altre aree

    Domenica 18 ottobre Pic Nic a Poggio Casciano: protagonista la castagna

    Pane medievale e finocchiona, per poi passare al saporito tortello alla lastra e alla polenta di marroni con baccalà alla griglia. E poi... c'è da perdersi

    POGGIO CASCIANO (BAGNO A RIPOLI) – Che domenica sarebbe senza il Pic Nic a Poggio Casciano?

    Anche questa settimana (domenica 18 ottobre) il menu è decisamente stagionale: protagonista la castagna!

    Il paniere da degustare nel giardino o sotto il loggiato della Tenuta di Poggio Casciano prevede un menu toscanissimo.

    Si parte con pane medievale e finocchiona, per poi passare al saporito tortello alla lastra e alla polenta di marroni con baccalà alla griglia: un abbinamento inedito che somma la calda consistenza della polenta all’inconfondibile gusto del pesce.

    Il tris di primi si chiude con un piatto di riso integrale, condito con bruciate e bardiccio e affogato nel Modus Ruffino, un rosso strutturato e intenso perfetto per le temperature ottobrine.

    “Ma il nostro pic nic non si ferma qui – dicono da Poggio Casciano – A seguire, vi presenteremo infatti lo spezzato del Falterona, che include carni appenniniche come manzo, maiale e bardiccio e le abbina alle celebri bruciate casentinesi”.

    “Infine – concludono – ecco arrivare la “trilogia della castagna”, una degustazione di tre tipologie di questo frutto autunnale capaci di farci apprezzare ancora di più questa magnifica stagione e i suoi sapori unici”.

    Ricordatevi di prenotare chiamando al 3783050219

    (CONTENUTO SPONSORIZZATO)

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...