spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 15 Agosto 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Dramma a Grassina, 30enne cade nell’Ema e muore: inutile l’intervento dei sommozzatori

    All'altezza di via Abebe Bikila: i vigili del fuoco l'hanno recuperato e affidato ai sanitari, ma non c'era più nulla da fare

    GRASSINA (BAGNO A RIPOLI) – I vigili del fuoco del fuoco del comando di Firenze, sede centrale, con il nucleo sommozzatori, sono intervenuti nel pomeriggio di oggi, giovedì 7 luglio, nel comune di Bagno a Ripoli, a Grassina in via Abebe Bikila.

    Intervento (avvenuto attorno alle 15) resosi necessario per il soccorso ad una persona caduta nel Fiume Ema.

    Un trentenne lombardo, che era arrivato a Grassina un po’ di tempo fa, e che era stato come “adottato” dal paese.

    Vigili del fuoco che l’hanno recuperato e affidato al medico del 118, che purtroppo però non ha potuto far altro che constatarne il decesso.

    Sul posto anche i carabinieri e la polizia locale di Bagno a Ripoli.

    Dai primissimi riscontri non pare che si sia trattato di un gesto volontario, né causato da altri.

    Si propenderebbe invece per un malore. Saranno comunque gli approfondimenti autoptici e investigativi a chiarirlo.

    Questa sera, in segno di rispetto, il Bagno Balena, il bar all’aperto della casa del popolo di Grassina, rimarrà chiuso.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...